L’UDER DI MASTELLA SCAPPA DA ROMA INSEGUITA DAI CREDITORI

di TONTOLO

Leggo dal blog “I segreti della casta” quanto segue:

“Hanno portato via i computer, le scrivanie, le lampade, i faldoni con la contabilità del partito e il materiale di cancelleria. Dall’oggi al domani. Via. L’ultimo dei portaborse dell’ex Guardasigilli, oggi parlamentare europeo, prima di spegnere la luce ha staccato dalla porta il cartello con la sagoma del campanile, 10 stelle a semicerchio e la scritta: «Udeur Popolari». Scala B, interno 5, via Dandolo 24: un elegante palazzo anni Venti vicino piazza San Cosimato, a Trastevere. Via a gran velocità, con tutti gli arredi.

E così, malgrado  l’ingiunzione di sfratto, al proprietario ora non resta che affidarsi a qualche studio legale nella speranza di riavere i 25000 euro di arretrati che il partito di Mastella non ha mai saldato”.
Questo signore, il Clemente Mastella, è stato uno dei mammasantissima della politica italiana che pur proveniendo dalla Prima Repubblica ha fatto più carriera nella Seconda, il che è tutto dire. Nonostante tutto quello che ha combinato, politicamente parlando intendo – degli altri aspetti, giudiziari intendo, non voglio qui occuparmi – ancora decine di migliaia di persone l’hanno votato per mandarlo al Parlamento Europeo, complice il cavalier Berlusconi che forse gli doveva qualcosa a seguito della caduta dell’ultimo governo Prodi.
Ma dove vogliamo andare come Paese che ancora si fa rappresentare da queste figure??!!
Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

A BOLOGNA SFILANO LE VEDOVE DEGLI IMPRENDITORI SUICIDI

Articolo successivo

TOSI MARONIANO? NO E' MARONI CHE E' TOSIANO