Lonate Pozzolo, Rusconi (Grande Nord): Contestare mozione su via Gaggio è pretestuoso

La mozione è molto semplice ci sembra  condivisibile da tutti gli schieramenti. Non attacca l’attuale amministrazione ne tantomeno quella precedente, ora all’opposizione. Semplicemente richiede che si intervenga a migliorare un angolo del paese molto caro si lonatesi.  Non offende il lavoro, straordinario ed unico, dell’Associazione  Semplicemente propone di intervenire a ripristino delle strutture per renderle più efficaci e più belle.  Non nasce da nessuna accordo o macchinazione politica, ma semplicemente raccogliendo i commenti di alcuni cittadini.  Le polemiche? Semplici speculazioni politiche per screditare Grande Nord. Basta leggere la mozione per capirlo: non c è spazio per alcuna contesa e la gente lo ha capito“.

Replica così Michele Rusconi, consigliere comunale di Grande Nord a Lonate Pozzolo alla presa di posizione di Modesto Verderio e Paolo Tiziani, militanti del Movimento, che lasciano il partito giudicando inopportuna e fuori luogo la mozione oggetto del contendere. Ma c’è un dettaglio: in realtà è dal 2019 che Verderio e Tiziani non avrebbero più rinnovato la tessera. “Dunque non possono uscire da ciò che hanno già lasciato”, commenta Monica Rizzi, responsabile organizzativo federale di Grande Nord.

Come riporta e ricorda il sito Malpensa24, la mozione chiedeva  di “Pianificare una serie di investimenti annuali per tutelare i manufatti del museo a cielo aperto di via Gaggio, a Lonate Pozzolo. (…)Un argomento «molto poco politico», ammette il consigliere. «Ma ha un forte interesse sociale, che è trasversale e sicuramente che può cogliere l’attenzione di tutti». Un modo per spronare l’amministrazione del sindaco Nadia Rosa a «valorizzare un luogo di interesse, che va abbellito e curato maggiormente rispetto a quanto fatto finora».

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Senzasconti, in vacanza con i nostri animali. In studio Rizzi e Piazzo ad Antenna 3

Articolo successivo

Ema studia dati casi disturbi neurologici dopo vaccino J&J