Lombardia: per 56mila famiglie negata la casa popolare

di REDAZIONE

In tutta la Lombardia sono 56 mila le famiglie che hanno chiesto e non ancora ottenuto un alloggio popolare. Ci sono «liste di attesa pazzesche – secondo l’assessore regionale alla Casa Paola Bulbarelli – che, complice la crisi, anzichè accorciarsi si allungano». Anche per questo la Regione ha stanziato 20 milioni di euro che serviranno a risistemare circa duemila alloggi popolari che ora non possono essere utilizzati. Quasi la metà delle domande riguarda Milano (in tutto 23.385), seguita da Brescia (8.282), Bergamo (4.532), Monza e Brianza (4.335), Varese (3.384), Cremona (2.486), Pavia (2.422), Mantova (2.315), Como (1.957), Lecco (1.957) e Lodi (1.196) e Sondrio. Dei fondi stanziati, 10 milioni sono destinati a Milano (6 milioni all’Aler e 4 al Comune), mentre gli altri saranno destinati a Bresso, Cesano Boscone, Cinisello Balsamo, Cologno Monzese, Corsico, Cusano Milanino, Sesto San Giovanni, Bergamo, Brescia, Como, Cremona, Lecco, Lodi, Monza, Mantova, Pavia, Sondrio e Varese. Anche in questo caso 6 milioni andranno alle Aler e 4 ai Comuni. «Per chi fa politica per la casa – ha spiegato Bulbarelli – è impossibile stare a guardare e quindi abbiamo trovato questa nuova modalità per mettere a disposizione alloggi in tempi rapidi. Sicuramente non risolveremo tutti i problemi, ma almeno iniziamo a provarci».

Print Friendly, PDF & Email

3 Comments

  1. Bè certo. Prima c’è Kabobo, poi c’è Provenzano Denaro con la famigghia allargata (18 figli e parenti di 32esimo grado) poi c’è la signora Rossi: “l’itaglia tutela la famigghia” come dice la costutuziuni.
    Prima il Nodde

  2. DOMANDA:A CHI ANDRANNO QUESTI ALLOGGI? 1)ALLE FAMIGLIE NUMEROSE-molti fogli. 2)REDDITO INSUFICIENTE.
    CONCLUSIONE;NESSUNA O QUASI FAMIGLIA ITAGLIANA PRENDERÀ UN APPARTAMENTO.AMEN

    • Andranno ai figli di kabobo, agli zingari che si lavano le ascelle con l’acqua santiera, magari a qualche improvvisato imam che organizzerà reclutamenti tra i vicini…

      Se poi ci sono degli alloggi carini, qualche politico pronto a sganciare 2 stecche (una al responsabile) per comprarli sotto banco e speculare lo si trova sempre

      Tranquillo che si trova il modo di riempire ed i nostri tutti in macchina, tutti a dormire alla caritas o dai genitori novantenni

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

EXPO 2015, ecco la pista ciclabile che costa un occhio della testa

Articolo successivo

Crisi: ogni dieci sfratti nove sono causati da morosità