Lombardia: il ciclone giudiziario che può influenzare il voto “chiave”

di GIORGIO CALABRESI

Le inchieste giudiziare irrompono pesantemente nella campagna elettorale, ma è soprattutto la vicenda Finmeccanica, che ha portato  in carcere a Busto Arsizio l’ad e presidente della societa’ Giuseppe Orsi, ad agitare il mondo politico e gli effetti si sentono soprattutto in Lombardia dove in contemporanea e’ appunto arrivata la chiusura delle indagini sulla fondazione Maugeri, che coinvolge i vertici del Pirellone, a partire dal governatore uscente Roberto Formigoni, al quale viene contestata anche l’associazione a delinquere.Vero che è arrivata anche la condanna dell’ex governatore pugliese Raffaele Fitto, ma l’occhio del ciclone giudiziario è concentrato proprio in terra lombarda: solo un caso o qualcosa di più? I sospetti vengono a molti, quantomeno nella scelta dei tempi… D’altra parte è cosa risaputa che la partita politica che si gioca in Lombardia è la più delicata della prossima tornata elettorale. L’interrogativo che molti si pongono è se questi sviluppi giudiziari clamorosi avranno effetto sulle urne, ma senza sondaggi misurare questi effetti è per il momento impossibile.

Sotto i riflettori finisce soprattutto la Lega che attacca chi ”diffama” il partito, in una partita delicatissima per le sorti elettorali in Lombardia. Il centrosinistra parte a testa bassa contro Pdl e Lega parlando di ”di corruzione e malaffare”. E il centrodestra si lamenta di una giustizia ad orologeria. Ad esempio, Silvio Berlusconi ha parlato di una ”manina, anzi, manona giudiziaria che entra nella campagna elettorale”. E anche Roberto Maroni, candidato alle regionali di Lega e Pdl, ha difeso Formigoni sui tempi: ”Non sono complottista – ha detto -, pero’… e’ l’uso che si fa in campagna elettorale”. Ma e’ stato ancora piu’ deciso nel difendere se stesso e il suo partito per quanto riguarda la vicenda e prendendo le distanze dall’amministratore delegato incriminato: a conferire gli incarichi ad Orsi – ha spiegato- sono stati non il suo partito ma ”prima il governo Berlusconi e poi Monti”, quindi ha annunciato querele contro ”la banda dei diffamatori di professione”. ”Il procuratore di Napoli ha detto chiaro – ha spiegato Maroni – che la Lega non c’entra. C’e’ chi ha accusato la Lega ed e’ gia’ stato da me querelato”.

Secondo Nichi Vendola, il leader di Sel che ieri era a Milano, per i Barbari sognanti di Maroni ”quando si interrompe il sogno, inizia l’incubo”. Il segretario del Carroccio si e’ limitato a rispondergli che ”il sogno continua”. Ma a continuare sono state anche le polemiche. Per il capo dell’Udc, Pierferdinando Casini, si ”alimenta la sfiducia nella politica”. Secondo Antonio Di Pietro, vicende come Finmeccanica e Maugeri ”dimostrano che dal 17 febbraio 1992 nulla e’ cambiato”, insomma siamo ancora a Tangentopoli. E anche il candidato premier di Rivoluzione Civile, Antonio Ingroia, e’ convinto che ci sia un ”filo rosso che lega tutte le ultime vicende italiane: la corruzione”. Un attacco, il suo, diretto anche al premier Mario Monti colpevole di non aver fatto dimettere prima Orsi. Responsabilita’ per cui il governo e’ stato chiamato in causa anche dalla segretaria Cgil Susanna Camusso. Il presidente del Consiglio si e’ difeso spiegando che sull’ad di Finmeccanica sono state esercitate ”tutte le pressioni possibili, compatibili con lo statuto di societa’ per azioni quotata in Borsa e con la situazione dell’inchiesta riguardante lo stesso Orsi”. E ha aggiunto di essere ”’certo che la magistratura fara’, come negli altri casi, il suo dovere”. Il Prof ha pero’ dimostrato un certa ”preoccupazione” per certe commistioni tra politica ed economia. Posizione diversa da quella del centrodestra. Angelino Alfano ha parlato di una ”politica industriale nelle mani dei pubblici ministeri” e ha difeso Formigoni perche’ considerarlo componente di una associazione a delinquere e’ ”folle e fuori dal mondo”.

Pero’ non servono le ”vie giudiziarie per cambiare pagina” secondo il sindaco di Firenze, Matteo Renzi, venuto ieri in Lombardia per appoggiare il candidato del centrosinistra Umberto Ambrosoli. E proprio Ambrosoli ha definito la vicenda della fondazione Maugeri ”un campanello d’allarme gravissimo” che riguarda ”tutto il sistema della sanita’ in regione”.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Arrighini (Unione Padana): no alla Lega "prigioniera" del Pdl

Articolo successivo

Unità, euroregione o indipedenza: quale futuro per la Lombardia?