Lo straniero non fa più paura. Bernardelli, i cittadini cercano il lavoro

di Roberto Bernardelli – In una recente indagine, Ilvo Diamanti ha illustrato i dati dell’Osservatorio europeo sulla sicurezza, realizzato da Demos e dalla Fondazione Unipolis.

Senza girare tanto attorno al fenomeno della paura degli immigrati, o meglio, della paura da immigrati, che è stata la principale fonte di successo elettorale per le formazioni populiste, ciò che emerge è che il cittadino ha una priorità e una paura in cima all’elenco delle sue preoccupazioni: il lavoro, l’economia. Tutto il resto è secondario. L’instabilità economica, il quadro fosco dell’occupazione, la precarietà, la tassazione, lo Stato che non funziona, sono la questione delle questioni.

Ecco le tabelle che Diamanti ha pubblicato lunedì 15 giugno su Repubblica.

 

E’ evidente che il massimo si raggiunge in corrispondenza del voto e della campagna elettorale. Il resto si commenta da sè.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

1 Comment

  1. Invece l’immigrazione è il problema più grave: perché star qui a pensare all’indipendenza, o magari all’autonomia, se tra qualche decennio non esisteranno più i norditaliani?

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Malaspina, Grande Nord: lo smart working fa calare gli affari di bar e ristoranti

Articolo successivo

Callegari: vogliono i soldi sotto il materasso. Ci tagliano gli ospedali e poi ripescano l'autonomia per cercare voti