Lo storico Barbero: Inquietante obbligo green pass all’università

“Qualcuno mi presenta come una specie di superstizioso fanatico contrario ai vaccini. Ma nell’appello che ho firmato non si parla affatto dell’utilita’ dei vaccini, anzi si dice chiaramente che molti dei firmatari sono vaccinati, me compreso. Il problema che mi preoccupa e’ l’obbligo del green pass per gli studenti che dopo aver pagato fior di tasse universitarie sono esclusi dalle lezioni se non hanno il certificato”. Alessandro Barbero torna cosi’, in una intervista al Corriere della Sera, sui motivi per cui ha firmato l’appello contro l’obbligo del Green pass all’universita’. “Vivere in un Paese in cui non si puo’ salire su un treno o entrare in un ufficio pubblico o andare all’universita’ se non si possiede un pezzo di carta che pero’ – per carita’! – non e’ assolutamente obbligatorio, e’ surreale e inquietante”, sostiene il docente di Storia, da cui ieri il suo ateneo, l’Universita’ del Piemonte Orientale, ha preso le distanze. “Sono un professore universitario e i miei datori di lavoro sono i miei studenti – sostiene -. Se io vedo che fra i miei studenti c’e’ preoccupazione e indignazione per l’obbligo del Green pass per entrare all’universita’, io ho il dovere morale di esprimere la mia posizione. Tanti colleghi hanno una posizione diversa, compreso il rettore della mia Universita’, e fanno bene a esprimerla pubblicamente: l’Universita’ e’ appunto il posto in cui si cerca la verita’ senza pretendere di averla gia’ in tasca, e si affrontano i dubbi, anziche’ tacitarli”.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Fratelli d'Italia-Lega, sorpasso continuo

Articolo successivo

Catalogna: Nogueras (JxCat), mai sostenuto il tavolo di dialogo con governo Madrid