Lo Stato-Piovra: sulle imprese aumento medio dell’Imu del 154%

di GIORGIO CALABRESE

L’economia italiana va che è un piacere (sic), le tasse sugli utili di impresa superano ormai il 70%, le aziende chiudono a ritmo di una al minuto, ma evidentemente lo Stato-Piovra o Stato-Ladro non ne ha mai abbastanza, così con l’Imu ha inferto un’altra bella stangata alle attività produttive. Tra i tartassati dell’Imu le imprese sono infatti quelle che hanno subito un aumento medio fino al 154% rispetto a quanto pagavano di Ici. Dopo la presentazione dei dati del Mef relativi al gettito complessivo pagato dagli italiani con l’Imu, la Cgia di Mestre fornisce cosi’ gli importi medi dei versamenti effettuati dalle varie categorie economiche e dalle famiglie italiane nel 2012. Gli albergatori hanno versato 11.429 euro; la grande distribuzione 7.325 euro, il settore industriale 5.786 euro, il piccolo imprenditore 3.352 euro, il libero professionista 1.835 euro, il commerciante 894 euro, l’artigiano 700 euro, la famiglia per seconda casa 663 euro, la famiglia per prima casa (+ pertinenza) 330 euro. “A seguito di tali risultanze -commenta Giuseppe Bortolussi segretario della Cgia di Mestre- emerge chiaramente come la stangata dell’Imu abbia colpito soprattutto le categorie economiche. Nel corso dell’attuale campagna elettorale la proposta di una eventuale riduzione-abolizione dell’Imu sulla prima casa e’ stata avanzata da molte parti politiche. In linea generale si tratta di una proposta condivisibile; tuttavia, appare doveroso segnalare il rischio di nuovi rincari dell’Imu sulle attivita’ produttive”. “Infatti, dato che il gettito della prima casa finisce interamente nelle casse dei Comuni, c’e’ la possibilita’ che, a fronte di questo mancato gettito, molti Sindaci -continua Bortolussi- si rifacciano aumentando le aliquote sui capannoni. Uno scenario che dobbiamo assolutamente scongiurare visto che, rispetto a quando si pagava l’Ici, le imprese hanno subito con l’Imu un aggravio medio fino al 154%”.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Caos in Grecia: i cittadini assaltano i supermercati

Articolo successivo

Scozia: per i bookmakers indipendenza al 3,50. Ma Salmond non ha dubbi