LIVORNO: DUE BOTTIGLIE MOLTOV CONTRO EQUITALIA

di REDAZIONE

Due bottiglie molotov sono state scagliate contro l’ingresso della sede livornese di Equitalia. Le fiamme hanno danneggiato l’esterno della sede che si trova al piano terra di un edificio in via Indipendenza, nel pieno centro. Entrambe le molotov, secondo quanto appreso (sta indagando la Digos) sono state realizzate utilizzando bottiglie di birra e sono state lanciate attraverso la saracinesca a maglie del’ingresso della sede di Equitalia. Danni alla porta di ingresso, annerita la stessa saracinesca e i muri. Oltre alle due molotov esplose ne sono state trovate altre due inesplose e una bomba carta, anch’essa inesplosa.

Il fatto è avvenuto attono alle 4.15 della notte fra venerdì e sabato. Una donna ha dato d’allarme, raccontantdo che vedeva “una luce e del fuoco intorno alla sede di Equitalia”. Secondo la Digos si tratterebbe di un’azione dimostrativa. Sulla facciata del palazzo, proprio sotto le finestre della sede di Equitalia, compaiono anche scritte come “ladri”: sarebbero però vecchie e ricorrenti. C’è poi una scritta in rosso, «Lotta continua – Equitalia boia», con falce e martello, che sarebbe invece nuova.

A Livorno, il 5 gennaio scorso, si era già verificato un altro episodio contro la sede di Equitalia: era stata recapitata una lettera con un proiettile calibro 7.65. Nella missiva che l’accompagnava l’autore specificava di non avere nulla a che fare con le ideologie anarchiche e l’ipotesi degli investigatori fu che si fosse trattato di un gesto isolato. È sempre ai primi di quest’anno, ma l’episodio emerse solo il 26 gennaio, era stata scoperta una busta con un meccanismo a orologeria a carica manuale indirizzata all’Agenzia delle entrate di Livorno. Al momento comunque non verrebbe ipotizzato alcun collegamento con quanto avvenuto stamani.

FONTE ORIGINALE: http://iltirreno.gelocal.it/livorno/cronaca/2012/05/12/news/bottiglie-molotov-contro-la-sede-di-equitalia-1.4497091

Print Friendly, PDF & Email

3 Comments

    • Stiamo assistendo ad interviste con impiegati di Equitalia che ritengono di non essere resposabili se si trovano ad applicare leggi ingiuste dello stato. Anche gli ufficiali di Hitler dissero di avere provocato le stragi perchè ubbidivano a precisi ordini del Fuhrer. Erano complici e responsabili gli ufficiali tedeschi come sono complici e responsabili gli impiegati di Equitalia. Complici di uno stato-padrone ladro e dopo anni di rottura di coglioni la resa dei conti è vicina. Al muro miei cari burocrati e poi si ricomincia a lavorare, perchè noi sappiamo e vogliamo lavorare ma senza uno stato burocrate e parassita. Il mio invito è che abbiate il coraggio di disertare per dimostrare vera solidarietà nei confronti dei cittadini che non possono morire per questa merda di stato.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

CHE NE SA BONDI DI PUBBLICA AMMINISTRAZIONE? UNA BEATA MAZZA

Articolo successivo

FRONT FURLAN: PRESIDIO DAVANTI ALL'AGENZIA DELLE ENTRATE