L’inquinamento in Padania è stato veicolo del virus?


In Pianura padana – evidenziano i ricercatori – si sono osservate le curve di espansione dell’infezione che hanno mostrato accelerazioni anomale, in evidente coincidenza, a distanza di 2 settimane, con le più elevate concentrazioni di particolato atmosferico. “Le alte concentrazioni di polveri registrate nel mese di febbraio in Pianura padana hanno prodotto un ‘boost’, un’accelerazione alla diffusione dell’epidemia. L’effetto è più evidente in quelle province dove ci sono stati i primi focolai”, evidenzia Leonardo Setti, dell’Università di Bologna.

“Le polveri stanno veicolando il virus. Fanno da carrier – avverte Gianluigi de Gennaro, dell’Università di Bari – Più ce ne sono, più si creano autostrade per i contagi. Ridurre al minimo le emissioni e sperare in una meteorologia favorevole”, indica.

“L’impatto dell’uomo sull’ambiente – prosegue Alessandro Miani, presidente della Società italiana di medicina ambientale (Sima), sta producendo ricadute sanitarie a tutti i livelli. Questa dura prova che stiamo affrontando a livello globale deve essere di monito per una futura rinascita in chiave realmente sostenibile, per il bene dell’umanità e del pianeta. In attesa del consolidarsi di evidenze a favore dell’ipotesi presentata, in ogni caso la concentrazione di polveri sottili potrebbe essere considerata un possibile indicatore o ‘marker’ indiretto della virulenza dell’epidemia da Covid19”. Grazia Perrone, docente di metodi di analisi chimiche della Statale di Milano, conclude: “Questo position paper è frutto di un studio no-profit che vede insieme ricercatori ed esperti provenienti da diversi gruppi di ricerca italiani ed è indirizzato in particolar modo ai decisori”.
(Adnkronos)

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

E in mezzo alla catastrofe risorge il ponte Morandi

Articolo successivo

Speculano sulle mascherine. Come hanno speculato sulla nostra vita tagliando la sanità. E poi la colpa è nostra se ci ammaliamo