L’INDIPENDENTISTA VENETO LOVAT, ‘NON FINISCE LA LOTTA IN CATALOGNA’

Davide-Lovat

“Dovere del filosofo è quello di resistere a oltranza al dominio della Tecnica e del Potere” (Horkheimer) onde per filosofo si usa l’accezione nobile, applicabile a ogni uomo che cerchi la verità e si batta per essa. E’ su questo presupposto che anche in Veneto, nonostante indifferenza e derisione, c’è chi ancora si batte per la
verità, per la libertà, per i diritti umani, per l’autodeterminazione
dei popoli, per la vera democrazia, contro il sistema di potere
vigente e contro i partiti parlamentari che sono tutti a esso
funzionali, contro i suoi strumenti, contro i suoi servi”, sottolinea l’indipendentista veneto Davide Lovat.
Lovat.

“In una situazione simile, con tale disparità di mezzi, combattere democraticamente sembra assurdo e ridicolo, ed espone alla derisione e alla malcelata condiscendenza di chi difende lo status quo perché ne
trae beneficio privato, o semplicemente perché vi è abituato; ma è giusto, e dunque va fatto a costo di subire le conseguenze più estreme. Non finisce la lotta in Catalogna, e sta prendendo nuove
forme quella dei veneti consapevoli”, annuncia.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Gazebo Grande Nord, Brescia in campo

Articolo successivo

Ma in procura a Madrid volevano una condanna ancora più pesante...