L’imprenditore Padovan (Life) si sposa e regala 500 euro ad ogni dipendente

di ALTRE FONTI

TREVISO – Ha sorpreso molti l’idea di Fabio Padovan, titolare della Otlav spa di Santa Lucia di Piave (cerniere per mobili e serramenti). Padovan, che tra qualche giorno convolerà a nozze con Sandra Scopel, ha deciso di capovolgere la tradizione. Sarà lui a fare il regalo di nozze ai 150 dipendenti. Qualcuno ha parlato di 500 euro a ciascuno dei 110 dipendenti dello stabilimento di Santa Lucia e altrettanti ai 40 di Maniago.

Per farlo si è inventato “la gratifica di nozze“: un premio dello sposo ai dipendenti. «Le nozze – ha spiegato con modestia Padovan – sono un fatto privato, intimo. Sarà un’occasione per ringraziare i dipendenti che, in questo momento di crisi, mi sono stati vicini, sudando sangue al mio fianco. È grazie a loro se Otlav sta ancora navigando, seppure il mare sia agitato. Smentisco però sia la cifra che il premio».

Padovan è un imprenditore che sa quanto contino le idee e la professionalità dei propri dipendenti. «In fabbrica – aggiunge – siamo una famiglia. Se anche volessi dare una “gratifica” ai dipendenti non sarebbe un regalo, ma la restituzione di quanto mi hanno dato. Sarebbe una goccia nel mare in questo momento di crisi. Oggi che è difficile anche trovare le commesse per far lavorare i dipendenti, già provati dal taglio degli straordinari e dalla cassa integrazione. È il fattore umano e delle idee la vera forza di un’azienda. Non a caso – conclude – in questi giorni abbiamo lanciato due nuovi prodotti che dovrebbero essere vincenti, ma che sono pur sempre una scommessa. Prodotti che sono il frutto dell’ingegno dei miei uomini». Per questo non si meritano solo una gratifica, ma la possibilità di costruirsi un futuro sereno col proprio lavoro.

FONTE ORIGINALE: http://www.ilgazzettino.it

Print Friendly, PDF & Email

3 Comments

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Maroni: il nuovo segretario non lo decido io ma il congresso

Articolo successivo

Il Sud che la fa solo franca