LIBERARE LE CITTA’: UNICHE SCIALUPPE DI SALVATAGGIO

di CARLO LOTTIERI

Notizie assai negative, veri presagi di difficoltà sempre crescenti, si susseguono di continuo. Gli ultimi dati sui Credit default swap (Cds) collegati al debito italiano, ovvero sugli strumenti che fungono da assicurazione di tipo finanziario contro i rischi dell’insolvenza dello Stato italiano, ci dicono che la possibilità di un crollo della finanza pubblica italiana è sempre meno remoto. Potremmo trovarci, tra qualche mese, con seri problemi di cassa, e quindi con la difficoltà da parte del sistema pubblico ad assicurare quei servizi fondamentali (protezione, sanità, assistenza ecc.) che lo Stato ha monopolizzato e che però, a un certo punto, potrebbe essere incapace di fornire. In questo scenario fatalmente diventerà centrale il ruolo del comune e, in larga misura, della città.

Quando il potere romano-centrico giungerà al capolinea, fatalmente le famiglie e le imprese indirizzeranno la loro attenzione al sindaco, pretendendo che dia qualche risposta dinanzi ai problemi essenziali. Non solo: è anche ragionevole immaginare che i centri cittadini finiscano per costituire un ancoraggio per tutta l’area circostante: quale fulcro di un sistema di produzioni e servizi. In altre parole, il disastro italiano porterà chi abita nel Lodigiano a orientarsi ancor più verso Milano, mentre chi sta in Valtenesi cercherà un ancoraggio a Brescia e il Biellese guarderà a Torino, l’area collinare euganea a Padova, e via dicendo. Quanto oggi è cruciale, il ruolo dei poli cittadini, finirà per essere esaltato dal crollo (finanziario, politico, istituzionale) del potere nazionale.

Chi voglia iniziare a lavorare sulla città del futuro, e sul ruolo che è chiamata a giocare, può leggere con grande utilità un recente volume curato da Stefano Moroni (La città rende liberi. Riformare le istituzioni locali, Torino, IBL Libri, pp. 214, 22 euro, ma solo 7,49 in formato e-book). Si tratta di un volume che muove da una riflessione di carattere teorico sulla dimensione urbana, per poi evidenziare la necessità di lasciarsi alle spalle una visione illiberale e vincolistica della città (quella che è prevalsa nel Novecento) per restituirle la libertà di innovare e rinnovarsi.
Studioso di urbanistica e da anni impegnato in una critica assai serrata alle logiche della pianificazione territoriale, Moroni ha pensato questo libro con l’intenzione di ridare alla città quel prestigio che aveva in passato: quando ancora era uno spazio aperto (l’aria che rende liberi evocata nel titolo) verso cui la gente della campagna si dirigeva per trovare la possibilità di realizzarsi e costruire la propria vita. Oggi, purtroppo, l’esistenza di quanti stanno in città è un salto a ostacoli tra barriere e regolamenti di ogni tipo: urbanistici, sanitari, commerciali, edilizi, ecc. I vari contributi di cui si compone il volume puntano proprio a chiedere che la città venga affrancata da questa selva di norme e le logiche della proprietà e del contatto tornino a essere cruciali.

Qualora l’Italia dovesse trovarsi in ginocchio e i nostri scenari dovessero essere sempre più simili a quelli della Grecia, fatalmente il Risorgimento rilascerà spazio all’età dei Comuni. E potrebbe innescarsi un processo, anche inizialmente non facile da comprendere e perfino da percepire, destinato a modificare in profondità l’intero assetto istituzionale. Spesso la storia ha conosciuto evoluzioni di lunga durata e la stessa nascita degli Stati moderni all’interno del quadro dell’Europa medievale, di fatto a egemonia imperiale, è stato un affare di secoli: durante i quali le monarchie feudali hanno progressivamente cambiato pelle, fino a imporsi come entità del tutto indipendenti e sovrane.

Non sappiamo cosa ci riserva il futuro. Ma certo non possiamo escludere che – nonostante il persistere dei vecchi poteri statuali, e nonostante l’avanzata di un nuovo potere europeo sovranazionale ancorpiù minaccioso – alla fine si possa assistere a una rinascita di Venezia, Milano, Firenze, Siena, Genova e via dicendo. La storia è sempre, per definizione, un cantiere aperto e imprevedibile. È però fuori discussione che solo se la città saprà liberarsi dalle incrostazioni del dirigismo otto-novecentesco e se saprà veramente liberalizzarsi al proprio interno (tornando a essere un fattore di liberazione, come suggerisce il libro di Moroni), finirà per giocare con efficacia un ruolo da protagonista: rispondendo nei fatti alle esigenze primarie della popolazione.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

LA METAFORA DELL'ATTUALE SITUAZIONE POLITICA ITALIANA

Articolo successivo

DOPO JESOLO, BERGAMO E PADOVA SI PROVI A TROVARE UN ACCORDO