L’ex candidato Lega per procura cercava donne da avviare a prostituzione

“Cavazza aveva il compito e lo svolgeva continuamente, di individuare giovani donne da avviare alla prostituzione, ovvero da condurre nei luoghi ove tale attivita’ di prostituzione si consumava, in cambio di cocaina”: lo scrive il gip di Bologna, Letizio Magliaro, nell’ordinanza che ha portato l’agente immobiliare Luca Cavazza, 27 anni, incensurato, ex candidato per il Carroccio alle scorse elezioni regionali (non eletto) ma non iscritto alla Lega (come precisato dal partito), agli arresti domiciliari per il reato di prostituzione minorile nell’ambito dell’inchiesta su presunti festini a base di sesso e droga avvenuti nella cosiddetta “Villa Inferno” di Pianoro.

L’inchiesta vede come parte offesa una ragazza minorenne da cui, anche grazie alla madre, sono partite le indagini. “Tale attivita’ – scrive ancora il giudice – veniva compiuta con modalita’ quasi professionali da parte del Cavazza attesa anche la sua possibilita’ di continui contatti nell’ambiente sportivo dei tifosi della locale squadra di pallacanestro della Virtus Basket”. Nell’ordinanza e’ citato anche una passaggio della testimonianza resa dalla minore coinvolta nella vicenda: “ho appreso che spesso si svolgono incontri per consumare cocaina e fare sesso tanto da essere conosciuta come Villa Inferno. Cosi’ almeno mi aveva detto proprio Luca Cavazza quando mi aveva convinto a seguirlo”. Intanto il Carroccio, dopo la notizia dell’inchiesta ha chiarito: “Dopo appurate verifiche si precisa che Luca Cavazza non risulta essere iscritto alla Lega”, questa la dichiarazione di Andrea Ostellari, coordinatore della Lega in Emilia. Luca Cavazza nel 2016 si candido’ alle elezioni comunali di Bologna con Forza Italia. Il piu’ giovane aspirante consigliere (poi non eletto). Fece parlare di se’ per un post su Facebook dell’agosto 2015 quando visito’ la tomba di Mussolini a Predappio: “Tutto quello che fu fatto non potra’ essere cancellato. A noi!”. Episodio che poi defini’ come una goliardata.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Il Lago di Como alla Mostra del cinema di Venezia

Articolo successivo

Errori a raffica nelle graduatorie scolastiche