Lepanto: La Gran Bataja. A Venezia evento di “Veneto Nostro-Raixe Venete”

di TOMMASO GIUSTO*

Nella Capitale Lagunare un evento per commemorare e celebrare “La Gran Bataja”. Finalmente, Venezia torna culla di manifestazioni culturali vicine all’identità veneta e alla sua millenaria storia. Quella cultura aperta, destinata a tutti, quella che non né nostalgia né folclore,  quella che fa della storia un mezzo per conoscere e non solo per ricordare.

Ad organizzarlo è la neonata sezione veneziana dell’ Associazione Veneto Nostro – Raixe Venete, una giornata all’insegna  della riscoperta di ciò che Miguel de Chervantes definì “il più grande evento che videro i secoli”.

Alle ore 10.00 cerimonia dell’alzabandiera del Vessillo Marciano  a cura del “1° Reggimento Fanteria Veneto Real”, alle 11.00 presentazione delle associazioni che collaborano alla manifestazione che, come a Cittadella per la Festa dei Veneti, saranno presenti  con  gazebo in cui verranno esposti dei libri e del materiale storico e culturale su Venezia e il Veneto . Dalle ore 16.00 in poi  inizierà il ciclo di conferenze con il seguente programma:  avvocato Renzo Fogliata con il tema “Lepanto: la Battaglia che salvò le sorti dell’ Occidente”,  professor  Marco Zanetto con “L’ Arsenale di Venezia e la società veneta del ‘500”,   dottor  Edoardo Rubini con “Non virtus non arma non duces sed Maria Rosarii victores nos fecit” la celebra frase pronunciata dal Senato Veneto quando attribuì la vittoria della Gran Bataja alla Santissima Vergine. In chiusura (ore 17.30/18.00)  ammaina bandiera con onori e saluti finali.

Auspichiamo un’ ampia partecipazione dei Veneziani che così possono avvicinarsi alla loro grande storia,  riscoprire la propria identità e l’antico orgoglio, per meglio amare  e  difendere la propria città e affrontare con coraggio le grandi sfide del futuro.

*Responsabile Associazione Culturale Veneto Nostro – Raixe Venete – Sezione di Venezia

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Il brigantaggio post unitario, presentazione a Lanciano

Articolo successivo

Lombardia: verso un taglio del 20-30% per gli stipendi dei dirigenti regionali