Il Leone marciano è il simbolo dei veneti, non della Lega Nord

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

L’Associazione Culturale “Veneto Nostro – Raixe Venete” condanna fermamente l’offensiva e denigratoria espressione che il consigliere comunale di Breda di Piave (TV), tale Alfonso Beninatto, avrebbe rivolto all’immagine del Leone di San Marco, così come riportato nei giorni scorsi su alcuni giornali locali del Veneto. Beninatto avrebbe infatti bollato come una “buffonata” il dono di un bassorilievo con l’effige del Leone di San Marco che un artista locale desiderava donare al Sindaco di Breda di Piave, il quale formulava poi il desiderio di esporlo all’esterno della facciata del Municipio del paese.

L’immagine marchesca del Leone Alato rappresenta secoli di Civiltà ed è simbolo di buon governo e rispetto dei diritti del singolo e delle comunità, fin dai tempi in cui tali parole erano sconosciute alla gran parte del mondo di allora. Quanto pronunciato dal Sig.Beninatto denuncia una scarsa conoscenza dell’argomento, forse non per sua colpa, ma a causa della “cultura ufficiale” a senso unico delle istituzioni italiane, che ha fatto volutamente dimenticare ai Veneti il loro grande passato attraverso una colpevole coltre d’oblio o mistificando fatti storici che solo l’appassionata e certosina ricerca dei singoli sta riportando oggi alla legittima verità.

Per colmare tali vuoti culturali, la nostra Associazione promuoverà pertanto un presidio nella piazza principale di Breda di Piave per la mattinata di sabato 15 settembre, distribuendo gratuitamente alla popolazione un volumetto incentrato proprio sulla storia del Leone di San Marco. All’interno di tale pubblicazione, curata da esperti e veri conoscitori dell’argomento, viene spiegato chiaramente che il Leone Veneto è il simbolo di una millenaria tradizione – e per i credenti anche un simbolo religioso – e non certamente un simbolo di qualche partito.

Il Leone è da sempre il simbolo dei Veneti, radicato da secoli nel nostro territorio e nel cuore della sua gente e nulla ha a che spartire con le beghe della politica italiana.

Per concludere, la nostra Associazione annuncia inoltre che intende organizzare nei prossimi mesi, in collaborazione magari con le autorità competenti del Comune di Breda di Piave, alcune serate di cultura e storia veneta – come da anni organizziamo sul territorio – a cui la cittadinanza tutta sarà invitata a partecipare. Incontri questi attraverso i quali riscoprire la nostra memoria storica e la nostra identità, utili momenti di dibattito costruttivo e di confronto.
Questo è lo spirito che ci anima, a differenza delle parole del Sig.Beninatto da cui traspare il timore di non essere in grado di confrontarsi con qualcosa di immensamente più grande di lui.

Per l’Associazione Culturale
“Veneto Nostro – Raixe Venete”
il Presidente
Alberto Montagner

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Arriva in Italia la più grande scavatrice del mondo!

Articolo successivo

Insubria, da oggi due settimane di festa e convegni