Tosi va oltre la Lega: le primarie per il segretario siano aperte a tutti

di GIANMARCO LUCCHI

La Lega, se si faranno primarie per eleggere il successore di Roberto Maroni come segretario, dovrebbe considerare l’ipotesi di farle aperte a tutti, non solo ai militanti. A proporlo il segretario della Liga Veneta, Flavio Tosi. “Bisogna considerare l’ipotesi di fare delle primarie vere, cioe’ di eleggere il segretario federale della Lega Nord facendo votare tutti, non solo i militanti ma facendo i gazebo e aprendo al voto di tutti”, ha detto il sindaco di Verona intervenendo su un emittente locale.

La posizione espressa dal sindaco di Verona se da un lato è choc per alcuni dall’altro non sorprende più di tanto, in quanto lui viene accreditato di un seguito di fedelissimi, provenienti soprattutto da destra ma non solo, che con la storia della Lega non hanno mai avuto a che fare. Che abbia buttato lì una tale ipotesi potrebbe voler dire che, se il disegno passasse, Tosi potrebbe anche decidere di impegnarsi direttamente nella corsa alla segreteria, contando sulla sua capacità di mobilitare appunto persone al di fuori del Carroccio. Insomma, lui ormai sembra perseguire una linea che rocede verso la dissoluzione della Lega dentro un qualcosa di diverso.

Diversamente la sua potrebbe anche essere una mossa tattica per poter poi dire la propria nella scelta del successore di Roberto Maroni in via Bellerio, qualora prevalesse il tentativo di indicare un candidato unitario. Alla stessa stregua appare “tattico” pure il traccheggiamento di Umberto Bossi sul “mi candido, non mi candido”, un modo per cercare di arrivare all’indicazione di una candidatura condivisa al fine di evitare la spaccatura del movimento. E al riguardo il Senatur non ha fatto mistero di prediligere sugli altri il nome di Giancarlo Giorgetti.

Print Friendly, PDF & Email

5 Comments

  1. Ma Giorgetti è assai difficile che accetti la segreteria leghista: uno che.alla sua ancor tenera età è stato scelto come “saggio” da Napolitano….

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

BRI: parlano di crescita ma stiamo su un baratro peggiore del 2008

Articolo successivo

Lo Stato pigliatutto elargisce la "mancia" ai Comuni "mendicanti"