Marabini (Lega Romagna): stangata Tares da rinviare

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Le attività commerciali, le aziende e i privati saranno presto strozzati dalla TARES (tributo per i rifiuti, istituito  dal Decreto Legge n. 201/2011). Nei fatti si tratta di una piccola patrimoniale applicata indistintamente a tutti. Le superfici assoggettabili al tributo è pari all’80 per cento della superficie catastale. Il comune dovrebbe stilare un apposito regolamento per l’applicazione della tassa, stabilendo i parametri per la modulazione delle tariffe ed eventuali riduzioni o esenzioni.

Marabini ritiene che il sindaco Retini dovrebbe farsi portavoce della necessità di rinviare l’applicazione della TARES al 2014 considerato che le associazioni di categoria e i cittadini stanno già pensando alla TARES come un incubo dopo aver già pagato il salasso IMU. In questo momento così delicato in cui aziende e privati sono già in ginocchio si chiede di intervenire a sostegno di cittadini e imprenditori, di favorire agevolazioni tariffarie in merito previste per legge con riduzioni e esenzioni nella misura massima del 30 %.

Gli aumenti infatti fanno riferimento alla tipologia degli immobili, dei metri quadrati calpestabili e suscettibili di produrre rifiuti urbani; è prevedibile che capannoni o imprese di grandi metrature che possono anche produrre scarti di esigua quantità debbano pagare cifra astronomiche. Valutato che durante la campagna elettorale il governo ha rinviato i versamenti da parte degli utenti a luglio 2013, creando ulteriori complicazioni, al già confuso quadro normativo della tassa e agli aspetti organizzati, aggiunti alle incertezze applicative della legge e ai tempi richiesti dalla procedura burocratica. Dal luglio 2013 entrerà pure in vigore l’aumento di un punto dell’aliquota IVA ordinaria !

Marabini, invita le opposizioni, a supportare un odg che impegni il sindaco e la giunta a evidenziare  la necessità di annullare la TARES, in attesa di rinviare l’applicazione della tassa in questione all’anno 2014, per dare tempo alle amministrazioni comunali di valutare ed approntare attentamente la migliore applicazione ma soprattutto di procedere immediatamente all’utilizzo del regime precedente per la gestione di tasse tariffe relative ai rifiuti urbani, evitando qualsiasi tipo di inconveniente economico nonché pratico legato al servizio dei rifiuti.

Si prega inoltre di inoltrare l’odg agli altri sindaci con cui si hanno relazioni per sensibilizzarli sull’argomento e inviarli a farsi promotori di simili iniziative nei confronti del governo entrante. Marabini chiede inoltre di inviare la richiesta urgente da inserire fra i provvedimenti prioritari la sospensione della legge relativa alla TARES, il reinvio della stessa al gennaio 2014 e di valutare nel frattempo la possibilità di annullare questa tassa: gravosa per i cittadini, le attività economiche e le amministrazione comunali.

Ufficio Stampa del Gruppo Assembleare

Lega Nord Padania Emilia e Romagna

 

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

OMINIDI: LA MIGRAZIONE DALL'AFRICA E' INIZIATA PIU' TARDI

Articolo successivo

Mediaset in rosso, Berlusconi senza utili sulla via dell'indigenza!