FRATTURA LEGHISTA E DELUSIONE DEI SUOI MILITANTI

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Qualche tempo fa ebbi a scrivere , un po’ cinicamente, parafrasando un proverbio, che stavamo sulla riva del fiume a guardare la corrente e ciò che trasportava, questo a causa di voci, sempre più insistenti, che presagivano nuvoloni neri sulla Lega. Non è passato troppo tempo e la bufera si è scatenata dando sfogo, con virulenza, alle tensioni interne al movimento e tuttora non si sono del tutto scaricate.

E’ bastata una denuncia di un militante che chiedeva chiarezza e la scintilla ha dato origine ad un rogo che ha coinvolto prevalentemente le persone più vicine al leader e cioè quelle più invidiate. Bossi , di fatto, è stato destituito dalla sua carica esecutiva, ma politicamente è stato salvato nel tentativo di mantenere l’elettorato  compatto. Le persone del cerchio magico sono state attaccate, alcune come Renzo Bossi, Monica Rizzi, si sono dimesse, altre no come Rosy Mauro, Belsito è stato espulso.  Boni si è dimesso, ma la sua è un’altra storia.

Non è finita qui perché ora ci sono le reazioni, spuntano i dossier su Maroni, Fava, Pini. Si legge di affitti a carico della Lega per locali ad uso di parlamentari di alto livello, spese poco chiare con carte di credito del partito. Morale della favola sembra che stia scoppiando il finimondo, è sempre più  evidente la frattura tra cerchisti e maroniani. Grande delusione per tutto l’elettorato leghista, i militanti sono sui bastioni e tentano di resistere, ma diventa sempre più difficile difendere promesse fatte e non mantenute. I sondaggi danno il partito in caduta libera 6,6/7 %, solo poco tempo fa era al 11/12 %.

L’impressione è che la Lega corra il serio rischio di esplodere e fare la fine del partito socialista. Ricordiamoci inoltre che questo movimento politico è una federazione di leghe regionali ( nazionali secondo il linguaggio leghista ) e che oltre alla Lombardia il Veneto conta veramente molto, sicuramente si farà sentire.

Staremo a vedere!

Roberto Belleri – Unione Padana Mantova

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

IL WELFARE STATE SPIEGATO IN TRE PARAGRAFI

Articolo successivo

SECESSIONE DALLE MARCHE PER PASSARE IN ROMAGNA