Lega nel mirino della procura, 97mila euro di rimborsi in 4 mesi

di ALTRE FONTI

TRIESTE – La Procura della Corte dei Conti ha aperto, come «atto dovuto», un’inchiesta sui bilanci rendicontati dai Gruppi del Consiglio regionale nell’ultima parte della scorsa legislatura, dal 1° gennaio al 12 maggio 2013.

Stando alla relazione elaborata da Lucio Romanello, Cesare Magnarin e Marco Rocco, si evinceva che la situazione più delicata riguardava la Lega Nord che aveva continuato a collezionare fatture e scontrini accatastandoli alla rinfusa. Un terzo del totale di spesa dichiarato a bilancio (97.432 euro) risultava privo di indizi, ovvero 32.800 euro.

Scendendo nel dettaglio, 11.994,63 euro si riferivano a spese di rappresentanza non riconosciute (scontrini non annotati sul registro contabile del Gruppo), 2.525 euro a schede e ricariche telefoniche non riconosciute, a biglietti del treno e parcheggi auto non riconducibili a consiglieri o collaboratori del Gruppo.

FONTE ORIGINALE: http://www.gazzettino.it/ di Elisabetta Batic

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Sardegna al voto. Murgia: non vogliamo più essere una servitù

Articolo successivo

Referendum a Bolzano, i cittadini han detto no alla legge della SVP