/

Lega mortificata a Saronno. Grande Nord in campo per Varese 2021

Storica sconfitta al ballottaggio del sindaco leghista uscente Fagioli a Saronno.
È oramai chiaro che la deriva nazionalista del partito capitanato da Matteo Salvini stia pagando un caro prezzo sul territorio lombardo, perdendo clamorosamente oltre a Saronno, la roccaforte Legnano ed altre realtà storiche del centro destra.
Svendendo gli ideali e le istanze del Nord l’abbandono dell’elettorato che non si identifica nel partito del “prima gli italiani” o “prima la Campania” è tangibile e sempre più spesso confermato dai risultati elettorali.
“Grande Nord, il Movimento che rappresento per la Provincia di Varese vuole raccogliere questo testimone, proseguire nella difesa della nostra identità, dei nostri ideali e della nostra economia, passando in primis per l’ottenimento di quell’autonomia chiesta a gran voce col referendum dell’ottobre 2017 e abbandonata da tutti i partiti ad ogni livello.
La nostra regione vanta più di 50 miliardi annui di residuo fiscale, la nostra sfida è quella di trattenerli sul territorio.
I nostri ideali non sono cambiati e la continua crescita sul territorio del nostro movimento è la conferma che le persone hanno ancora voglia di parlare di Nord.
Stiamo lavorando per le amministrative di Varese del prossimo anno, vogliamo essere l’arternativa alla politica delle poltrone e dei soliti riciclati.
La città di Varese necessita di un cambio di rotta deciso e solo persone slegate dal solito iter politichese possono garantirglielo”, conclude il Segretario Provinciale Dario Brunella.
Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Scandaloso. Nel 50% delle province il medico base non può prescrivere tamponi

Articolo successivo

Senzasconti, Max Rigano intervista Roberto Bernardelli