CESARINO MONTI: “MI CANDIDO SEGRETARIO DELLA LEGA LOMBARDA”

di REDAZIONE

«Ho deciso di rompere gli indugi e porre la mia candidatura alla segreteria nazionale della Lega Lombarda. So che la battaglia sarà dura, anche perchè il mio concorrente Matteo Salvini è diventato un personaggio mediatico molto forte. C’è bisogno di grandi cambiamenti e di forze nuove che possono essere più che degnamente rappresentate da Salvini, ma sono convinto che c’è bisogno ancora di più di continuità per un movimento che intende radicarsi sempre più sul territorio e che conta già su centinaia di sindaci». Scende in campo e propone la propria candidatura per il congresso nazionale della Lombardia il senatore della Lega Nord Cesarino Monti, attuale sindaco di Lazzate per il terzo mandato e storico militante del Carroccio. «Credo che la mia ultra ventennale esperienza politica e amministrativa – prosegue Monti – possa essere un bene prezioso per il movimento. La mia candidatura dimostra peraltro che andremo a un congresso vero, dove i delegati potranno scegliere i candidati sulla base del programma e della fiducia e testimonia che la Lega Nord è un movimento profondamente democratico».

Per  la senatrice della Lega Nord, Irene Aderenti, non ci sarebbero problemi: «Nella mia attività di senatrice, ho potuto conoscere ed apprezzare le qualità di Cesarino Monti. Dunque non posso che accogliere con favore la sua decisione di candidarsi a segretario della Lega Lombarda. Il senatore Monti ha sempre dimostrato equilibrio, concretezza e grande capacità di mediazione nell’esclusivo interesse del territorio, sia nell’attività legislativa in Senato, sia nei suoi incarichi di sindaco e presidente di Co.nord. Avremo finalmente un vero congresso, nel quale risulterà basilare il dibattito tra più candidati. Questo diventa garanzia per un auspicato e condiviso rinnovamento della Lega Nord».

Intanto, oggi, ha parlato anche Maroni, che – uscendo dall’Assemblea di Confindustria – ha sostenuto: “Occorre la nostra proposta politica per tornare a prendere il consenso che abbiamo perso in questa elezione ed aumentarlo. La sfida è importante e significativa, sono sicuro che possiamo farcela in vista delle elezioni politiche del 2013”.

Ma non aveva sostenuto, qualche giorno fa, che a Roma la Lega non ci sarebbe più andata? “La Lega deciderà al congresso federale di fine giugno se dire addio a Roma e abbandonare il Parlamento”. ha ribadito Maroni a margine dell’assemblea di Confindustria a Roma. “Così potremmo trovare nuove e concrete risposte alla questione settentrionale”. Lasciare Roma è una soluzione? “Di questo – ribadisce il triumviro del Carroccio che nei giorni scorsi aveva parlato di una potenziale terza via – ne discuteremo al congresso”. E ancora Maroni: “Dobbiamo rinnovare la nostra proposta politica – è il pensiero dell’ex ministro dell’Interno – per tornare a prendere il consenso che abbiamo perso”.

Print Friendly, PDF & Email

18 Comments

  1. Monti? Senatore e sindaco pare che basti.
    i doppi incarichi sarebbero da evitare, figuriamoci i tripli!!

  2. … Dobbiamo rinnovare la nostra proposta politica!

    Vero!!

    Con gli stessi personaggi che hanno affondato la Lega territorialmente?

    Delle due l’una:

    – o lo dice ma non lo pensa!
    – o lo pensa ma non lo potrà fare!!!

    Come disèven i latini : TERTIUM NON DATUR!!!

    Troppi si metteranno di traverso!!

    Mala Tempora Currunt!

  3. http://www.la7.it/programmi/italian_job/video-20600
    Verso la fine di questo video c’è un Onorevole della Lega Nord che tenta di comperare una laurea in Svizzera utilizzando la Lega Nord ( “Media padani”). Qualcuno lo riconosce? è ancora in Lega?
    Ho recuperato la lista degli Onorevoli della LegaNord di quel periodo. C’è qualcuno che riesce a smascheralo e consegnarlo alle “scope dei Barbari”?
    1 ALESSANDRI Angelo
    2 ALLASIA Stefano 3 BODEGA Lorenzo 4 BOSSI Umberto * 5 BRICOLO Federico * 6 BRIGANDI’ Matteo
    7 CAPARINI Davide * 8 COTA Roberto 9 DI MAURO Giovanni Roberto
    10 DOZZO Gianpaolo * 11 DUSSIN Guido * 12 FAVA Giovanni 13 FILIPPI Alberto
    14 FUGATTI Maurizio 15 GARAVAGLIA Massimo 16 GIBELLI Andrea * 17 GIORGETTI Giancarlo * 18 GOISIS Paola 19 GRIMOLDI Paolo 20 LEANZA Nicola 21 LO MONTE Carmelo 22 LUSSANA Carolina * 23 MARONI Roberto * 24 MONTANI Enrico 25 NERI Sebastiano 26 PINI Gianluca 27 POTTINO Marco 28 RAO Pietro 29 STUCCHI Giacomo

  4. Monti non è uomo da prestarsi a farse. E’ una delle poche persone veramente stimabili rimaste in lega. Tutta la sua carriera amministrativa e politica lo dimostra e questo gli deve essere riconosciuto.

    • Purtroppo ti devo contraddire sulla prima parte, perchè almeno a una farsa si sta prestando; a Tosi che critica Bossi sulla storia dei 5000 euro mensili a Trota e Riccardo arriva la seguente replica di un gruppo di senatori leghisti…

      ——————————————————–

      (ANSA) – ROMA – ”Non e’ ammissibile che un qualunque esponente della Lega Nord si permetta di fare processi sommari al padre fondatore del nostro movimento. Ricordiamo che tutti noi, a partire da Tosi, senza Bossi saremmo a fare tutt’altro”. Lo dicono in una nota i senatori della Lega Luciano Cagnin, Roberto Castelli, Cesarino Monti, Giuseppe Leoni e Armando Valli che parlano di ”un’abitudine tutta italiota, non certo leghista, di accanirsi contro chi, in un particolare momento, puo’ apparire debole”.

      • forse era meglio fare tutt’altro, per cui non vi ringraziamo del vostro supporto dato in questi 20 anni, anzi è ora che andiate via siete più di danno che utilità come il vostro capo. Siete voi e il dittatore ad aver rovinato la lega nord, a voi la parola democrazia vi riempe solo la bocca ma non sapete nemmeno cosa sia. Siete sfortunati che tutti i qualunqui esponenti della lega Nord la pensino diversamete da voi militonti scalda poltrone e non dico altro.

        Rinaldo

          • Busciare in brianza vuol dire dar fuori. Infatti era una risposta a Rinaldo il cui commento è del tutto campato in aria…
            Comunque il concetto espresso nella lettera è lo stesso disprezzo che noi abbiamo per lo stato italione, forte coi deboli e vigliacco coi forti. Mi pare che Tosi se lo sia meritato.
            Che poi ci sia anche qualche firma poco credibile questo non toglie nulla alla figura di Cesarino Monti. Semmai la farsa è quella interpretata dallo stesso Tosi.

            • A dir la verità anch’io avevo replicato a Rinaldo, comunque grazie per la spiegazione sul “busci”, in effetti mi era rimasta la curiosità su cosa significasse nello specifico quella tua espressione.

  5. Cesarino è avversario velonoso per il ciccione….Cesarino gli farà pagare maroniani e ai loro amici in Rai il fatto che sempre e solo Anci e non Conord…mai e poi mai Conord….Cesarino sulla corsa lunga si mangia tanta gente…attenzione!!!!!!

  6. Cesarino Monti non puoi farlo….

    Lo Stucchi il Giacomo l’uomo forte in Lega e sponsor di Salvini non vuole.

    La tua candidatura mica sarà un’idea della sig.a
    Morrone e della Rosy…..

    Comunque se ti candidi nel silenzio e con discrezione avrai l’appoggio dei Reguzzones

  7. Cesarino può farcela se dalla sua parte passa Casarin che era suo amico ma poi si fece amico anche di Salvini. Tutto dipende da Casarin dove sposterà le sue potenti truppe Rai…

  8. Fantastici, ancora il gioco delle tre carte, adesso arriva il finto competitore! Il problema è che si ripetono! Adesso la farsa è stata recitata troppe volte e quindi siamo alla pochade!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

IL MERITO NON GARANTISCE L'AVANZAMENTO SOCIALE

Articolo successivo

GRILLO E I 5 STELLE SI SCORNANO PER LE POLTRONE DI PARMA