Lega e il no all’immigrazione: a Torino scontri fra autonomi e polizia

di ALTRE FONTI

Cariche e tensioni a Torino tra antagonisti e forze dell’ordine in occasione del raduno nazionale della Lega Nord contro gli immigrati. Mentre i militanti del Carroccio marciavano in via Roma nel centro della città blindato dalla polizia, centinaia di antagonisti hanno provato a forzare i cordoni di polizia in due punti: via San Tommaso e via Arcivescovado. Due vie utili per raggiungere piazza san Carlo, luogo del comizio di Roberto Maroni, Roberto Calderoli, Umberto Bossi.

LANCI E CARICHE – Quando i manifestanti hanno provato a premere contro gli scudi dei poliziotti, sono stati respinti. A quel punto è stato il caos. Lanci di uova, patate, bottiglie da un lato. Cariche con scudi e manganelli in risposta. Sono stati lanciati dalla polizia dei lacrimogeni nel secondo punto di scontro, in via Arcivescovado. Le prime tensioni sono avvenute in via San Tommaso. In piazza Cnl invece una ventina di cittadini ha iniziato a insultare i leghisti che mostravano striscioni vicino ai banchetti. Dalle parole si è passati alle mani e sono dovute intervenire le forze dell’ordine. C’è stato poi un altro scontro in mezzo al traffico in via Madama Cristina. Sono volate anche bombe carta, in risposta lacrimogeni. Pullman e auto paralizzate, mentre intorno si è scatenato il fuggi fuggi generale Il bilancio della giornata indica più di dieci feriti, non gravi: tra le forze dell’ordine un carabiniere che ha riportato contusioni a un ginocchio e un dirigente della questura colpito da un oggetto alla spalla. Tra i manifestanti i feriti lievi sono una decina , tutti appartenenti all’area autonoma.

www.corriere.it

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Secessione della Sardegna riuscita... su Google Maps

Articolo successivo

Indipendenza scozzese, Londra cambia strategia in vista del 2014