Varese, la Lega torna a congresso. Ancora a porte chiuse

di REDAZIONE

A un anno dal congresso traumatico che segnò uno spartiacque e diede il via alla rivolta dei “rottamatori” interni – prima che scoppiasse l’inchiesta sui denari gestiti da Belsito e dal partito – la Lega Nord di Roberto Maroni torna a votare per il segretario provinciale di Varese, città culla del movimento. L’appuntamento è fissato per domenica 30 settembre, all’Atahotel alle porte della città, dove, il 9 ottobre dell’anno scorso, fu proclamato, tra le contestazioni di buona parte dei delegati, Maurilio Canton, vicino a Umberto Bossi e all’ex capogruppo alla Camera, Marco Reguzzoni.

L’investitura di Canton, imposta dal’ex capo padano, provocò una frattura insanabile nel partito e innescò quel processo di rinnovamento che portò, gradualmente – dopo la ribellione alla “direttiva-bavaglio” contro Maroni, a gennaio, e soprattutto l’inchiesta sui rimborsi elettorali e le successive dimissioni di Bossi, in aprile – al congresso federale di Assago del primo luglio che ha eletto Maroni nuovo segretario federale. Canton, rimasto in carica sei mesi, è stato uno dei primi fedelissimi bossiani a cadere, il 10 aprile, a cinque giorni dal passo indietro di Bossi (a stretto giro sono arrivate le espulsioni dell’ex tesoriere, Francesco Belsito, e di Rosi Mauro).

Dopo le dimissioni di Canton (presentate in seguito alla “sfiducia” della maggioranza dei componenti del direttivo provinciale), il vice presidente della Commissione Bilancio del Senato, Massimo Garavaglia, è stato nominato commissario e guida la transizione fino al congresso. L’assise, che si terrà il giorno dopo la chiusura dei lavori degli Stati generali del Nord a Torino (durante i quali verrà presentato il nuovo manifesto del partito), sarà, come sempre, a porte chiuse. – Ancora non è stata ufficializzata alcuna candidatura (c’e’ tempo fino a 48 ore prima dell’avvio dei lavori), anche se Matteo Bianchi, 33enne sindaco di Morazzone, considerato in pole position per il posto, dovrebbe presentare la sua a meta’ settimana. Gli altri nomi che circolano sono quelli di Luigi Peruzzotti, 60 anni di Gallarate, ex senatore e consigliere di Maroni al ministero dell’Interno, e Alessandro Fagioli, 40enne assessore al Lavoro della Provincia di Varese.

Print Friendly, PDF & Email

1 Comment

  1. Perchè a porte chiuse? Hanno forse qualcosa da nascondere o da non far sapere ai loro elettori? Ultimamente ho notato che quando parlano tra di Loro si mettono la mano davanti alla bocca, a parte la privacy, che è un’ altra storia e non c’ entra, perchè non vogliono far sapere quello che si dicono ( senz’ altro contro gli elettori) tra di loro? Si accettano risposte anche da Loro, senza la mano davanti alla bocca, altrimenti penso siano pernacchie nei nostri confronti. Allegria

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

ALCOA: UNO STIPENDIFICIO MANTENUTO COI SUSSIDI

Articolo successivo

E magna, magna, magna, magnen i ruman