Lega Nord: la vera invasione è quella degli alieni

di TONTOLO

L’immigrazione meridionale ha portato le organizzazioni criminali in Padania? E chi se ne frega. L’invasione extracomunitaria sta mettendo in ginocchio le nostre comunità? E chi se ne importa. Il problema vero della Lega 3.0 è la strisciante penetrazione extraterrestre. C’è tutta una corrente neanche troppo sotterranea della Lega che si è organizzata per scoprire e combattere l’invasione aliena. Gli esponenti di primo piano di questi novelli cavalieri templari dell’astronave Terra sono Mario Borghezio e il solito Alfredo Lissoni che ha trasformato Radio Padania Libera nell’organo di collegamento della rete di resistenza terrestre  con trasmissioni come “Padania misteriosa” e “Padanismo e vita extra terrestre” seguitissime da vecchiette,  cantine sociali e naturalmente dal preoccupatissimo controspionaggio marziano.

Costoro hanno superato i ristretti confini delle lotte politiche terrestri e si dedicano a orizzonti spaziali: sono federalisti ma nel senso della Federazione Spaziale, quella dell’emiro Hassan e dell’Uomo Tigre. Roba forte!

Di recente Borghezio ha virilmente denunciato a Strasburgo che «governi occidentali, Nato, Russia e Usa ci nascondono l’esistenza degli alieni». Ha ripreso l’idea del complotto anche su Radio Padania  e in una intervista al Fatto Quotidiano, nella quale dichiara di avere appreso la tremenda verità da « un parlamentare europeo di sinistra, uno scienziato scrupoloso» e di essersi seriamente (si fa per dire) interessato al problema ascoltando a Radio Padania le trasmissioni del Lissoni, che è il vero “alienbuster”  della situazione.

Al bar del mio paese questa Lega 3.0 ha numerosi sostenitori, la cui gagliardia cresce a partire dal quarto bianchino,  quando si intrecciano in libertà storie di alieni, dischi volanti, Calderoli, cerchi nel grano, donnine verdi e  spaziali trombate venusine. Questa Lega 3.0 ha allargato i suoi orizzonti: adesso ne fa idealmente parte anche il premier russo Dimitri Medvedev che ha dichiarato senza ridere: « Gli extraterrestri sono già tra di noi da un bel po’. Non posso dirvi quanti di loro sono in mezzo a noi perché si scatenerebbe il panico».  E giù vodka come se piovesse! Se lo ricordano tutti a un G8 che parlava con la bottiglia chiamandola ET.

Maroni non perda tempo con il Berlüsca, costruisca invece una alleanza etilico-spaziale. I capilista sono pronti: Borghezio al Senato del Barolo e Lissoni alla Camera di fermentazione. Nel frattempo tutti (Maroni compreso) si godano questi collegamenti:

COLLEGAMENTO 1

COLLEGAMENTO 2 

Intanto io,  a bordo del mio Ape space-car inseguo lucciole aliene sullo stradone.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Cercare e trovare lavoro in Svizzera: ecco come e dove

Default thumbnail
Articolo successivo

Lega: dopo Zaia e Salvini anche Tosi contro Berlusconi