Le rivoluzioni non sono mai comode

di MARCO SCAGLIA

Le rivoluzioni possono essere armate o non violente, ma di sicuro non sono mai comode. Quando si deve abbattere un sistema che produce, alimenta, e mantiene sprechi e inefficienze, bisogna essere determinati e intransigenti. Si può seguire la via dura, per tentare di raggiungere l’obiettivo il prima possibile, oppure prenderla alla larga per rendere il cambiamento meno traumatico. A volte si ha l’impressione che, praticando la seconda opzione, ci siano persone che entrano nel sistema, si abituano a condividerne i privilegi, rinunciano a combattere la propria battaglia in modo serio per non dover tornare alla vita “normale”, e continuano ad accettare compromessi indigeribili.

Il motto di questi “rivoluzionari” sembra essere: “Posso tentare di demolire il sistema in sei mesi, correndo il rischio di dovermi cercare un lavoro a breve, quindi è meglio provare a demolirlo con calma raccontando che altri popoli hanno impiegato 100 anni”.

L’occasione non fa sempre e solo l’uomo ladro, ma a volte lo rende accomodante, a danno di chi “combatte” accollandosi solo gli oneri e mai gli onori.

Print Friendly, PDF & Email

3 Comments

  1. Cosa proponito pierino, che non te ghe gnanca corajo de firmarte, un sciopero fiscale totale?

    Se fa queo che la gente se disposta, par deso a fare. Se quattro milioni de veneti ritardasse el pagamento, el giorno dopo sarissimo liberi. El problema se che semo pieni de cojoni come che ciacola tanto, e non fa un caso, gnanca ritardare un pagamento!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Salario minimo, un obbrobrio economico della demagogia al potere

Articolo successivo

Life: primo giorno di sciopero della fame di solidarietà veneta