Le Regioni chiedono riapertura per tutti dal 26 aprile

Consentire, nel rispetto dei protocolli di sicurezza, i servizi di ristorazione sia al chiuso che all’aperto, senza distinzione di trattamento in base agli orari di somministrazione, la proroga del coprifuoco dalle 22 alle 23, la ripresa delle attivita’ individuali in palestra al chiuso e in piscine all’aperto, gia’ a partire dal 26 aprile”.

Sono queste – a quanto si apprende- le ulteriori osservazioni e modifiche alla bozza del decreto-legge che dovra’ essere varato e che, a seguito delle interlocuzioni con il Governo, la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome ha trasmesso ai ministri Gelmini e Speranza, nel pomeriggio di oggi. I governatori chiedono anche “la riapertura del settori wedding e l’avvio anticipato, rispetto a quanto disposto in bozza, dei mercati, l’uniformazione delle date di riapertura degli spettacoli all’aperto e degli eventi sportivi all’aperto”.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Zaia "invidia" l'autonomia di Bolzano. Rizzi: Governatore, non è questione di fortuna

Articolo successivo

Non avremo turisti americani in Italia. Il Paese arlecchino non convince