L’avviso di Giorgetti a Capitan Felpa: Stai finendo sul binario morto, lascia il populismo, sta passando di moda come i western

Nella Lega “non ci sono due linee. Al massimo, sensibilità diverse”, “amando le metafore calcistiche, direi che in una squadra c’è chi è chiamato a fare gol e chi è chiamato a difendere. Io, per esempio, ho sempre amato Andrea Pirlo. Qualcuno deve segnare, qualcuno deve fare gli assist”. Lo dice il ministro per lo Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti a Bruno Vespa per il libro “Perché Mussolini rovinò l’Italia (e come Draghi la sta risanando)” in uscita il 4 novembre da Mondadori Rai Libri. Quando Vespa gli ricorda che, a La Stampa, aveva “sepolto” con una settimana di anticipo i candidati del centro destra, il ministro replica che l’intervista ” è uscita così perché non avevamo rivisto le bozze. Ho ricevuto rimproveri e complimenti per cose che non sapevo di aver detto [ride]. E, comunque, sono cose che molti pensano e che nessuno dice”. “Lei mi chiede – dice ancora Giorgetti a Vespa – se io e Salvini riusciremo a mantenere un binario comune. Continueremo a lavorare così finché il treno del governo viaggia veloce, altrimenti rischiamo noi di finire su un binario morto. Il problema non è Giorgetti, che una sua credibilità internazionale se l’era creata da tempo. Il problema è se Salvini vuole sposare una nuova linea o starne fuori. Questa scelta non è ancora avvenuta perché, secondo me, non ha ancora interpretato la parte fino in fondo. Matteo è abituato a essere un campione d’incassi nei film western. Io gli ho proposto di essere attore non protagonista in un film drammatico candidato agli Oscar. È difficile mettere nello stesso film Bud Spencer e Meryl Streep. E non so che cosa abbia deciso…”. Intanto, però, Meloni continua a mordervi il fondo dei pantaloni, obietta Vespa… “È vero, ma i western stanno passando di moda. Secondo me, sono finiti con Balla coi lupi. Adesso in America sono molto rivalutati gli indiani nativi”.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Immancabile arriva un'altra legge elettorale?

Articolo successivo

Confcommercio: Basta cortei a Milano, petizione su Change.org. Persi 10 milioni di euro per la protesta no green pass in 3 sabati