Lavoro, record contratti a termine. Italia, repubblica fondata sui precari morti di fame

costo lavoroGli occupati sono tornati al livello del 2008, sopra quota 23 milioni, ma per effetto di una crescita record dei contratti a tempo determinato, arrivati ad agosto 2017 a toccare quota 2,8 milioni, la più alta dal 2004: quasi un milione. E’ quanto emerge dall’ultimo report della Fondazione Di Vittorio-Cgil. Inoltre si registra una “emorragia” degli autonomi (scesi ad agosto a 5,3 mln, circa 900 mila in meno sul 2004). E calano le ore lavorate: il 5,8% in meno dai massimi pre-crisi (10,9 mld del secondo trimestre 2017 contro 11,6 mld del 2008).

Il report sull’occupazione realizzato dalla Fondazione Di Vittorio sottolinea infatti che se è vero che le ultime rilevazioni mensili dell’Istat fanno registrare un ritorno del numero totale degli occupati al livello del 2008 “è altrettanto vero che a questi numeri complessivi non corrisponde un eguale innalzamento delle ore lavorate e delle unità di lavoro standard, vale a dire gli equivalenti a tempo pieno”.
Anche le Ula, sempre nel confronto trimestrale, risultano in calo e sono il 4,5% in meno, vale a dire 1,15 milioni di unità di lavoro equivalenti a tempo pieno in meno rispetto al 2008.

Print Friendly, PDF & Email

1 Comment

  1. Il fatto è che molti imprenditori si sentono sul ghiaccio perché non vedono una classe dirigente politica all’altezza del compito. Pertanto non investono e tengono il personale allo stretto necessario.
    A questo si aggiunge il vuoto generazionale ( che nessuno considera ) creato sia dalla crisi economica che da politici attenti solo alle loro careghe e sbadatamente ai conti pubblici.
    La legge Fornero che tiene al lavoro i vecchi e tiene i giovani in stallo non consente un ricambio generazionale nelle aziende mantenendo come minimo lo stesso standard qualitativo sia a livello tecnico o di competenze sia su quello dell’esperienza acquisita dai vecchi/anziani lavoratori.
    Chi ha perso il lavoro ed è andato all’estero o ha cambiato mestiere ( pizzaiolo, pulizie, etc;;) per sopravvivere alla crisi dopo diversi anni non è più in grado di riprendere la vecchia attività perché nel frattempo molte cose sono cambiate e perché l’età non è più quella……..
    Nel Veneto ci sono richieste di operai specializzati e tecnici in vari settori, ma…non si trovano.
    Di questo passo, anche con una ripresa economica ( che intravedo, ma non vedo ancora) il problema più grande sarà quello di trovare il personale necessario alle imprese.
    Il governo cosa fa ? Quelli del PD compreso i digiunatori a staffetta (……porc….str…) hanno altro a cui pensare, per esempio lo IUS SOLI……il problema grave che l’italia deve risolvere….il resto sono quisquiglie.
    WSM

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Il lavoro di oggi, povertà e sfruttamento. Ecco come si è arrivati al fondo del barile

Articolo successivo

Reguzzoni agli Stati generale del Nord: il modello è la SVP. Trattare per dare rappresentanza al Nord