L’autonomia è la via d’uscita dalla crisi del Covid. Lega all’angolo

di Giancarlo Rodegher – Il Veneto dal 2.000 al 2017 ha dato a Roma come residuo fiscale ben 250 miliardi di euro.
Al Sud Italia sono arrivati nello stesso periodo ben 600 miliardi di euro.
Nonostante il Veneto abbia avuto un prelievo esorbitante da parte di Roma è riuscito a fare un miracolo economico aumentando di ben 11 miliardi sempre nello stesso periodo il proprio residuo fiscale.
Il Sud sempre nello stesso periodo è rimasto completamente fermo su se stesso.

E’ mai possibile credere che un territorio come il Veneto possa essere continuamente ed in eterno defraudato delle proprie risorse in questo modo? E’ plausibile pensare che se continuiamo con questo sistema fallimentare il Nord nel suo insieme non potrà più sostenere un carico fiscale ed un prelievo fiscale come da troppo tempo avviene?

Il Ministro Boccia, Conte, il PD, il M5S e anche Salvini, FDI e F.I., veramente pensano che le autonomie possano ” dividere ” il paese, già diviso da decenni per diversi motivi che non sto ad elencare? Il paese era già fallito tecnicamente e posso assicurare tutti che con questa pandemia si avvia senza se e senza ma verso il suo irrevocabile default.

Il motivo, ma ce ne sono diversi, è che il paese da troppo tempo manca di statisti veri i quali prendano in mano la situazione e mettano una volta per tutte mano alla costituzione rendendola federalista.
Non vado oltre, tanto quello che deve succedere, succederà con o senza critiche o suggerimenti di sorta. Siamo difronte a personaggi i quali pensano che dare qualche aiutino o chiedere alla gente di tirarsi su le maniche siano basti per risollevare il paese. La pandemia ce la terremo per chissà quanti mesi ancora, se non 1 anno o 2 perché questo virus sembra essere pensante. Gli asintomatici sembrano esseri umani a cui il virus piace nascondersi, rendersi invisibile e continuare la sua corsa contaminante. I tamponi sono l’unico mezzo che abbiamo per stanarlo e sconfiggerlo, ma sembra che a questo governo non interessi nulla se non la propria sopravvivenza politica……ed economica.

Faccio una domanda. E’ giusto che i parlamentari  prendano regolarmente lo stipendio senza tagli, un contributo di solidarietà quando milioni di italiani sono economicamente diventati poveri per loro decisioni parzialmente discutibili e contestabili? Si riducessero qualcosa…

A Boccia dico che le autonomie sono praticabili non solo differenziate ma dilazionabili in un periodo medio-breve, ma con i tornado che si stanno abbattendo sul paese anche con aiuti o piccoli aiuti da parte dell’U.E. questa volta sì che ci giochiamo tutto e qui nel Veneto circola una aspettativa cinese. Stiamo seduti in riva al fiume ed attendiamo di veder passare il morto.
Chi sarà mai il morto? Aspettiamo e lo sapremo.
Un’ultima cosa e questa la dico a Salvini, ormai la Lega è all’angolo. Credo che più questo governo rimarrà in carica è più la Lega verrà ridimensionata. Non v’è più alcun motivo per votarla dal momento che ha rinunciato di propria volontà a governare il paese anche se con il M5S. Lasciare è stato un errore e sarà pagato senza dubbio alcuno.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Gestione Covid 19, poche donne e non nei ruoli chiave. Boni: la confusione regna sovrana

Articolo successivo

Rizzi: ma ATS di Bergamo non poteva investire 15mila euro in tamponi e non solo in consulenze legali?