/

La vacca della casa, munta e ammazzata dalle tasse

di G.D’A.tasse casa

In attesa di ricevere la botta finale, quella del calcolo del nuovo catasto e della tassa di successione secondo le norme europee, che ridurranno a niente il valore degli immobili, ecco che come ogni anno il quotidiano di Confindustria passa al setaccio le cifre delle imposte sulla casa. E’ un eufemismo quello usato: tre anni eplosivi, si legge. Aggiungiamo: letali.

E poi c’è la quarta settimana, anche se sarebbe ormai più corretto parlare di seconda settimana, quella in cui sono già finiti i soldi dello stipendio.

Secondo il Sole si tratta solo della “tendenza a concentrare la spesa all’inizio del mese riducendo al minimo gli acquisti nell’ultima parte quando le casse familiari sono a corto di ossigeno. Negli ultimi sette giorni del mese – come rivelano le elaborazioni effettuate da Iri sulle vendite nella grande distribuzione – le vendite di bevande dissetanti e birra crollano del 3,3% rispetto a quelle precedenti. Calano anche gli acquisti di prodotti per l’igiene domestica e segnano -2,6%: quando il versamento dello stipendio si allontana lo shopping di creme e detergenti può attendere. Cosi’ come non si spende per i prodotti per la pulizia domestica, che registrano una flessione del 2,2 per cento. Si rinuncia anche agli articoli di cartoleria e all’intimo, sempre piu’ spesso esibiti tra gli scaffali. A differenza del 2004, pero’, resiste l’alimentare”.

Rileggiamo meglio: meno spese per la cura personale, meno spese per pulire casa,una mutanda in meno, un libro in meno… Tutto qui? Affatto.

Ma è la parte legata alla tassazione della casa a fare la parte del leone che mangia il bambino.

IMU E TASI, TRE ANNI ESPLOSIVI

I dati Caf Acli dicono che, nel confronto con il prelievo 2012 e con quello del 2013, per il terzo anno di fila la pressione fiscale sul mattone sarà in aumento. Per le seconde case, gli immobili industriali, quelli commerciali, il prelievo è quasi triplicato rispetto all’Ici. Bene. Non ce ne eravamo accorti…

 

Print Friendly, PDF & Email

3 Comments

  1. TUTTO E’ DELLO STATO IN UNO STATO e status KOMUNISTA: in ITALIA. Ed e’ come la si voleva dimostrare..!

    BASTA STATO O MORIREMO DA MISERABILI..!!!

    Ultima ratio, per salvarci in ultima istanza, e’ ridurre drasticamente le spese statali..!

    Oh, mi posso sbagliare ne’..?

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Inchiesta 'Ndrangheta: polizia svizzera cerca interpreti di calabrese, 75 franchi l'ora

Articolo successivo

Tutti in Svizzera a spendere: ribadito nessun tetto agli acquisti in contante