La ripresa secondo il governo dei migliori. Brunetta: 500mila nuovi statali in 5 anni

La ripresa secondo il governo dei migliori. Assumere statali. La ricetta non cambia e la spiega il ministro….

“Il nostro obiettivo e’ di garantire innanzitutto il turn over fisiologico: almeno 500mila ingressi per 5 anni, 100 mila l’anno, pari al numero di dipendenti pubblici che andranno in pensione secondo le stime della Ragioneria generale dello Stato. Poi bisogna ragionare selettivamente sui settori che si sono maggiormente impoveriti negli ultimi 10 anni”. Cosi’ il ministro per la Pubblica Amministrazione, Renato Brunetta, che intervistato da ‘Il Messaggero’, spiega che si guardera’ “soprattutto alla sanita’ e agli enti locali. Qui il turnover potra’ arrivare anche al 120%. Infine, ci saranno le alte professionalita’ tecniche da reclutare in via straordinaria per l’attuazione dei progetti del Recovery Plan con contratti a tempo determinato”. E’ presto per dire di quanti contratti si parla, perche’ “dipendera’ soprattutto dai progetti”, ma spiega che “le procedure saranno rapide” e “ci sara’ un portale del reclutamento, una piattaforma a cui potranno rivolgersi le amministrazioni centrali e locali per simulare e prevedere lo stato del proprio fabbisogno professionale e per gestire le procedure concorsuali. Valorizzeremo dottorati, iscritti agli ordini professionali e ai centri di alta formazione. Sono assunzioni che si possono fare in 15 giorni. I contratti dureranno 5 anni, il tempo del Recovery”. Il ministro conclude con una promessa: “Ridare ai dipendenti pubblici l’orgoglio e l’onore di far parte della Pubblica amministrazione. Essere dipendenti pubblici significa fare l’interesse del Paese”. Un tempo i dipendenti pubblici prestavano giuramento. Andrebbe reintrodotto? “Si’, sono d’accordo. Purche’ non sia soltanto un pennacchio”.

Quanto ai concorsi, “siamo partiti da un numero: 118.879. Sono i posti gia’ disponibili nella Pubblica amministrazione. Dietro una cifra apparentemente asettica ci sono nomi e cognomi, ci sono progetti di vita congelati a causa del virus. Sbloccare questi concorsi ci e’ sembrata la prima urgenza”. Forse non basteranno queste assunzioni ad invertire il trend di invecchiamento dei dipendenti pubblici in servizio. “Il nostro obiettivo e’ di garantire innanzitutto il turnover fisiologico: almeno 500 mila ingressi per cinque anni, 100 mila l’anno, pari al numero di dipendenti pubblici che andranno in pensione secondo le stime della Ragioneria generale dello Stato. Poi bisogna ragionare selettivamente sui settori che si sono maggiormente impoveriti negli ultimi dieci anni”. “Penso soprattutto – aggiunge il ministro – alla sanita’ e agli enti locali. Qui il turnover potra’ arrivare anche al 120 per cento. Infine, ci saranno le alte professionalita’ tecniche da reclutare in via straordinaria per l’attuazione dei progetti del Recovery Plan con contratti a tempo determinato”, ha concluso Brunetta.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

LAVORO MILANO. 'CHIUSI CON ZERO RISTORI', PROTESTA DI 500 AMBULANTI

Articolo successivo

MPS, le motivazioni su Profumo e Viola: "Spiccata capacità a delinquere"