La procura di Catania: prove di contatto tra ONG e trafficanti di uomini

MIGRANTI, ONU: 880 MORTI IN NAUFRAGI DELLA SCORSA SETTIMANA
Non tutte le Ong che recuperano migranti sono uguali: “Ci sono quelle buone e quelle cattive”, dice il procuratore di Catania, Carmelo Zuccaro, a La Stampa che in apertura ricostruisce l’indagine del pool di pm catanesi. “Su Ong come Medici senza frontiere e Save the Children davvero c’e’ poco da dire, discorso diverso – avverte Zuccaro – per altre, come la maltese Moas o come le tedesche, che sono la maggior parte”, cinque delle nove Ong schierate in mare. “Abbiamo evidenze che tra alcune Ong e i trafficanti di uomini che stanno in Libia ci sono contatti diretti – dice il procuratore – non sappiamo ancora se e come utilizzare processualmente queste informazioni ma siamo abbastanza certi di cio’ che diciamo; telefonate che partono dalla Libia verso alcune Ong, fari che illuminano la rotta verso le navi di queste organizzazioni, navi che all’improvviso staccano i trasponder sono fatti accertati”. Tutte le nove Ong sono, comunque, sotto la lente della procura: “Per quelle sospette dobbiamo capire cosa fanno, per quelle buone occorre invece chiedersi se e’ giusto e normale che i governi europei lascino loro il compito di decidere come e dove intervenire nel Mediterraneo”. “L’inchiesta – riflette il procuratore – richiede tempi che l’Europa non si puo’ permettere e d’altronde la risposta giudiziaria non e’ sufficiente, nonostante la notevole collaborazione che riceviamo da tutti. Il problema resta essenzialmente politico e i governi europei, non solo quello italiano, devono intervenire subito”. “Per me – conclude -, quei 250mila in arrivo quest’anno sono una stima per difetto”.
Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Perché il 25 APRILE non può diventare una data fondante

Articolo successivo

25 aprile: gran finale per l'Insubria Festival. Ballo irlandese con i Gens d'Ys