La mascotte di Expo 2015 è Guagliò. Ecco chi applaude

di TONTOLO

Qualcuno si è scandalizzato perché la mascotte della futura Expo milanese è stata ufficialmente chiamata Guagliò, un bel nome “lombardo”.

Non si sono scandalizzati:

  1. La portavoce del Presidente, Isabella Votino di Benevento;
  2. L’avvocato del Presidente, Domenico Aiello di Catanzaro;
  3. Il Direttore Generale delle Infrastrutture,  Anna Tavano di Catanzaro;
  4. Il Responsabile Comunicazione della Regione, Patrizia Carrarini di Roma;
  5. Il Capo della Segreteria del Presidente, Giacomo Ciriello di Benevento;
  6. Il controllore delle spese di Via Bellerio, Carmine Pallino, malanese arioso;
  7. La morosa del Padrone, Francesca Pascale di Napoli;
  8. Il cane del Padrone, Dudù, barboncino maltese. Anzi: borboncino;
  9. Il Padrone, spalla corista di Mariano Apicella di Napoli.


Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Caro Abruzzo, perché scadi nelle più trite "balossate" patriottiche?

Articolo successivo

Corruzione: da sola l'Italia rappresenta la metà dell'intera UE