La marcia su Bergamo: l’alleanza antirenzi dei sindaci Lega e Pd

di REDAZIONEsindaci

Un’ottantina di sindaci della Bergamasca sono scesi in corteo  a Bergamo per dire basta ai tagli del governo. L’iniziativa di sabato scorso era stata promossa dalla Lega Nord, ma ha visto la partecipazione di primi cittadini di ogni colore politico, a partire dal sindaco di Bergamo Giorgio Gori, del Pd. I sindaci si sono ritrovati davanti alla Prefettura e, in corteo, hanno proseguito verso il municipio di Bergamo per un’ assemblea. ‘Basta tagli: dignità ai Comuni’ lo striscione che ha aperto il corteo, seguito dai primi cittadini tutti con il Tricolore. Il saldo negativo nella Bergamasca – è stato detto – tra tasse pagate e soldi che tornano ai Comuni è pari a 13 milioni di euro.

Il presidente della Provincia di Bergamo Matteo Rossi (Pd) non ha potuto prendere parte alla manifestazione per altri impegni istituzionali, ma ha sottolineato la sua vicinanza ai sindaci con una lettera. “Poco importa per me l’appartenenza di ciascuno di voi, perché tutti, in questi tempi difficili, siamo chiamati a mettere il bene comune del nostro territorio e delle nostre comunità prima di ogni logica di parte e prima di ogni parte politica – scrive Rossi. Sono convinto che ciascuno, prima del proprio interesse o di quello del proprio partito, senta forte la responsabilità di dare voce e di dare risposte ai cittadini del proprio paese che chiedono quei servizi essenziali che da troppo tempo sono messi in discussione dai governi nazionali di ogni colore politico che hanno considerato le autonomie locali come un bancomat”. E aggiunge: “Ben venga quindi ogni tipo di pressione sul governo e sui parlamentari che dovranno discutere a breve il decreto fiscale sugli enti locali, e che dovremo poi chiamare sul territorio a rendere conto delle loro scelte”.

 

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Ma la Lega è più forte vincendo o perdendo il Veneto?

Articolo successivo

Elezioni svizzere: la Lega dei Ticinesi vola al 23,5%, Gobbi riconfermato