/

La lezione di Ratzinger sulla Turchia

“Storicamente e culturalmente la Turchia ha poco da spartire con l’Europa: perciò sarebbe un errore grande inglobarla nell’Unione Europea. Meglio sarebbe se la Turchia facesse da ponte tra Europa e mondo arabo oppure formasse un suo continente culturale insieme con esso. L’Europa non è un concetto geografico, ma culturale, formatosi in un percorso storico anche conflittuale imperniato sulla fede cristiana, ed è un fatto che l’impero ottomano è sempre stato in contrapposizione con l’Europa. Anche se Kemal Ataturk negli anni Venti ha costruito una Turchia laica, essa resta il nucleo dell’antico impero ottomano, ha un fondamento islamico e quindi è molto diversa dall’Europa che pure è un insieme di stati laici ma con fondamento cristiano, anche se oggi sembrano ingiustificatamente negarlo. Perciò l’ingresso della Turchia nell’UE sarebbe antistorico ”. (J. Ratzinger – Benedetto XVI, Velletri, 18 settembre 2004)

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Rizzi: Vergognoso aver bocciato la riduzione Iva dal 22 al 10% sulle spese veterinarie

Articolo successivo

Bernardelli, dalla benzina ai pedaggi il Nord del ministro del ponte sullo Stretto è servito