La Lega candiderebbe Sgarbi per togliersi di torno “Prima il Nord”

di REDAZIONE

Gioca con le parole e con gli accenti e riconosce che Roberto Maroni e’ stato “affettuosissimo”, per cui Vittorio Sgarbi spera che “loro annettano una lista che da’ significato culturale e religioso alla loro impresa: speriamo che la Padania annetta la Padani’a”. La questione e’ spiegata dal critico d’arte in un’intervista a Radio Capital. La sua lista civetta ‘Prima il Nord’, notoriamente lo slogan di Maroni, “e’ la vera lista della Lega”: “Questa – dice Sgarbi – e’ la mia guerriglia per affermare la Padani’a. L’ho spiegato ieri a Maroni: quando la Padania ancora non c’era, io ero all’Universita’ di Bologna e il mio professore ci spiegava che esisteva una regione dell’arte che si chiamava Padani’a, la grande area delle citta’ toccate dal Po, Cremona Mantova, Ferrara, dove sono state espresse vertigini di bellezza che oggi nei musei del mondo rappresentano la gloria della Padani’a. L’Italian School in realta’ e’ la Padani’a School”.

Morale: le ultime voci dicono che la Lega darebbe un posto a Vittorio Sgarbi nelle propri liste per Camera o Senato con il risultato di farlo desistere dal presentare la sua lista “Prima il Nord”. Se così sarà – è questione di ore – il critico d’arte avrà dato corpo al suo ricatto politico: minacciare la presentazione di una lista di disturbo per farsi candidare in zona Cesarini e disinnescare la mina.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Ecco la fiaba che i banchieri hanno voluto censurare

Default thumbnail
Articolo successivo

Doddore Meloni: protesta contro la Rai e non paga il canone