La Germania teme che la Russia chiuda i rubinetti del gas dall’11 luglio

Il ministro dell’Economia e della Protezione del clima tedesco, Robert Habeck, ha dichiarato di temere che, dall’11 luglio prossimo, la Russia fermi completamente le esportazioni di gas verso la Germania mediante il Nord Stream 1, il gasdotto che collega i due Paesi attraverso il Mar Baltico. In tal caso, ha avvertito l’esponente dei Verdi, “l’inverno puo’ essere veramente problematico” per i tedeschi. Come riferisce il quotidiano “Berliner Zeitung”, Habeck ha aggiunto per rassicurare che la fornitura di gas per la Germania e’ garantita durante l’estate. Secondo il ministro dell’Economia e della Protezione del clima tedesco, la Russia potrebbe approfittare dei lavori di manutenzione del Nord Stream 1 per chiudere il gasdotto. Di prassi, le operazioni hanno inizio l’11 luglio e comportano l’arresto dell’infrastruttura per dieci giorni. Per Habeck, non sarebbe “super-sorprendente” se Mosca comunicasse che il Nord Stream 1 non puo’ essere riattivato, adducendo come pretesto la necessita’ di proseguire con la manutenzione. Sotto questo aspetto, ha sottolineato l’esponente dei Verdi, “la situazione e’ decisamente tesa”. (

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Biden confonde la Svezia con la Svizzera. Rizzi: Presidente, lì vicino c'è anche la Padania

Articolo successivo

Reddito di cittadinanza sì, crediti alle imprese no. Con stop a superbonus, edilizia perde 47mila posti e vanno in fumo 5,2 miliardi di crediti fiscali