La cosiddetta giustizia: le sentenze dell’Italia, potere di vita e di morte

giudizio_universaledi GIANLUIGI LOMBARDI CERRI – A titolo di curiosità e di lettura leggera seguo gli esiti dei principali processi e le relative motivazioni delle sentenze. Vi dirò che, in misura crescente, sorge in me meraviglia e stupore, talchè spesso mi domando se, senza averne contezza, io sia calato in un mondo alieno.

Le sentenze, infatti sempre con maggiore frequenza si discostano dal “ buon senso comune”. A tal punto che, pur non essendo del settore, sono andato a pescare qualche fondamentale scritto, onde cercare di capirci qualcosa. Illuminante è stata la lettura di “ Dottrina del diritto “ di Kelsen. Tutto bene, tutto chiaro!

Senonchè esaminando le sentenze, alla luce di quanto scritto non sono riuscito a trovare neanche un’ombra di nesso. Ma dirò di più confrontando alcune sentenze ci si accorge che le logiche applicate erano situate a 180° una dall’altra.

Prendiamo il primo caso: delitto di Novi Ligure perpetrato da Erika de Nardo e dal suo fidanzatino (sic!). Sono stati condannati rispettivamente a 16 e 14 anni, ma Omar (il fidanzatino) è venuto fuori nel 2010 ed Erika nel 2011! 8 anni! Mettiamo subito a confronto questa sentenza con quella relativa ai Serenissimi che hanno issato su S.Marco la bandiera veneta: 5 anni e tre mesi  a Luigi Faccia e 3 anni e 3 mesi a Bepin Segato.

Notando come piccolissima parentesi che gli imputati non hanno ammazzato né ferito alcuno, non hanno danneggiato niente e hanno pagato perfino il biglietto del vaporetto. Riuscite a capire in che consiste la giustizia?

Esaminiamo ora un altro delitto “il delitto del camper” Donato Carretta uccide padre, madre e fratello. Preso per caso in Inghilterra viene condannato nel 1999 e liberato nel 2009. Lo salva la dichiarazione di seminfermità mentale. Ma è così infermo mentalmente che ottiene per intero l’eredità! Non ho mai letto i verbali dei processi, ma colpevoli o meno non sono mai riuscito a capire le sentenze.

Qualche esempio? Processo di Cogne. La madre ha ucciso o no? Processo di Garlasco. L’autore del delitto è proprio il fidanzato? Processo di Perugia. Chi è l’assassino ? E non dico che gli imputati andavano assolti . Dico solo che dalle sentenze non si capisce se erano colpevoli o no.

E ho citato solo alcuni esempi, poiché la sentenziopoli italiana è costellata di situazioni come quelle citate. A fianco di queste sentenze ci sono esclamazioni di giudici , sulle donne, che sembrano fatte da maomettani.

Tipo quella che se una donna indossa i jeans aderenti invita allo stupro. Tipo quella (Bergamo) per la quale se le donne vogliono evitare i rischi di stupro non dovrebbero più uscire di casa dopo una certa ora.

Quale può essere lo spirito che guida certi giudici a seguire la linea di un determinato comportamento? La prima ipotesi è quella che accecati da un potere senza controllo di cui ormai dispongono, vogliono assurgere al ruolo di definitori di una nuova morale. Siamo addirittura alla casta etica !

C’è però una seconda ipotesi, forse anche peggiore della prima. Ormai i burocrati, e in seconda istanza i politici, detengono il potere ad un livello praticamente assoluto. Se un giudice mi vuole incastrare mi accusa del primo reato che gli viene in mente e dopo dieci anni di tribolazioni, cambia idea e mi assolve, non rispondendo assolutamente dei suoi atteggiamenti. L’unica speranza è che si realizzi il vecchio detto latino “quello che gli dei vogliono perdere, prima lo fanno impazzire”.

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

3 Comments

  1. Lo ripeto:
    il potere giudiziario e’ abnorme.
    Va ridimensionato perche’ come la girta oggi pare abbiano un potere divino: assurdo in una democrazia dove il POPOLO E’ IL SOVRANO, il PADRONE..!

    Sta scritto: mai e poi mai, un re si fara’ una legge contro..!!
    Meditare…

    • I SERENISSIMI… non sono perseguitati..?
      Basterebbe pensare a chi ha in mano lo stato per capire la situazione.
      Un tempo c’era la DDR… e il suo muro.
      Oggi c’e’ la IDR. Se volete la RDI, senza muro.
      Brutta storia davvero…
      Il capirla e’ davvero molto difficile per molti…
      SOCCOMBEREMO.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Case a tre lire e poi vogliono organizzare le Olimpiadi a Roma

Default thumbnail
Articolo successivo

Il giorno del ricordo sotto il tricolore che uccise le libertà