La Cgia aveva detto: ecco chi ha diritto al reintegro se licenziato

di REDAZIONEsindacato pubblico

Sono poche le aziende sottoposte alla disciplina all’articolo 18, ma oltre la metà dei lavoratori dipendenti italiani del settore privato sono tutelati da questo istituto. I numeri elaborati dalla CGIA ci dicono che l’articolo 18 “interessa” il 2,4 per cento delle aziende ed il 57,6 per cento dei lavoratori dipendenti italiani occupati nel settore privato dell’industria e dei servizi.

In termini assoluti, su poco meno di 4.426.000 imprese presenti in Italia, solo 105.500 circa hanno più di 15 addetti.

Per quanto riguarda i lavoratori, invece, la CGIA ricorda che dalla totalità degli addetti presenti in Italia (pari a poco più di 22 milioni di unità) sono stati “rimossi” i lavoratori autonomi, quelli del pubblico impiego, i dipendenti dell’agricoltura e tutti quelli con un contratto a tempo determinato che, per legge, non sono “coperti” da questa norma.

Pertanto, su oltre 11.300.000 operai e impiegati presenti nel nostro Paese (*), quasi 6.507.000 (**) lavorano alle dipendenze di aziende con più di 15 dipendenti, soglia oltre la quale si applica l’articolo 18.

“In una situazione economica così difficile – segnala il segretario della CGIA Giuseppe Bortolussi – l’eventuale decisione di modificare l’articolo 18 darebbe luogo ad un duro scontro con le parti sociali che avrebbe solo ricadute negative. Mai come in questo momento, invece, abbiamo bisogno di pace e di coesione sociale. Ritengo, inoltre, che possiamo agganciare la ripresa e conseguentemente rilanciare l’occupazione privilegiando le politiche legate alla domanda. Ovvero, rilanciando gli investimenti, i consumi interni e combattere la deflazione: solo così saremo in grado di aggredire la disoccupazione”.

18

 

Print Friendly, PDF & Email

2 Comments

  1. Art.18 23:13 27-09-2014

    Non so ma credo di aver gia’ scritto, magari su un altro posto o post, che l’art.18 non fa paura a NESSUNO..!!!

    E’ un BRUFOLO BILL e serve per distrarre i MONE..!
    E gli interessati e i non interessati?
    Dai che spaventa solo gli IGNORANTI..!

    Ma perche’ ogni tanto, magari di crisi, ve la prendete con chi vi mantiene e cioe’ i LAVORATORI..?

    Io farrei una proposta (beh, e’ da matti ma serve a provocare il ragionamento) che e’ questa:
    ELIMINIAMO TUTTI I LAVORATORI (Hitler voleva eliminare gli ebrei. Noi i LAVORATORI, che e’ un peccato?) dato che sono la CAUSA DEL FALLIMENTO DELLA AZIENDA STATO..!

    Da domani chi lavora finisce al ROGO… giusta punizione per gli ERETICI, per quelli che non obbediscono..! NON SI SOTTOMETTONO..!!!!!!

    I rimasti e non PARTITI, potranno cosi’ stabilire chi puo’ essere o no colpevole ulteriormente.
    Beh, non e’ detto che senza chi lavora si viva o si muoia.

    Sicuramente sarebbe una bella e santa rivoluzione.

    Beh, i francesi che la fecero e rimasero senza i sangue blue vissero felici e contenti..!!

    A meno che non si faccia come appunto i francesi che eliminarono, con la lama cadente, quelli che vivevano sulle spalle dei lavoratori e salvarono appunto loro stessi: I LAVORATORI..!!

    Qua dipendera’ dai numeri..!!

    Sono di piu’ i LAVORATORI o I BRIGANTI, I RAPINATORI, I SASSINI E I MANTENUTI..?

    Di certo e’ che se e’ RIVOLUZIONE una delle due squadre deve SOCCOMBERE..!
    Proprio finire SOTTO TERRA..!! Come del resto fu..!!

    Mah… la vedo triste in ogni caso. Pero’ NON PUO’ DURARE QUESTO ANDAZZO..!!

    Vedete voi…

    Salam

  2. Invece di pensare all’art.18 si pensi a eliminare i PRIVILEGI che nello stato itaglia esistono.

    Si pensi a dare gli stessi diritti ai lavoratori privati dei lavoratori pubblici..!

    Ma si kax: stesso contratto di lavoro per tutti..! Statali e privati tutti KOMPAGNI o UGUALI..!
    LA LEGGE NON E’ UGUALE PER TUTTI..?

    Se si via anche tutte le SUPERSTRAIPERPAGHE..!

    L’art.18, ma che kax guardate, al dito e non alla Luna..???

    Le KASTE sono da ABOLIRE non l’art.18..!!

    Uhei, CGIA… di Mestre ma da che parte guardate?

    Suppongo da quella sbagliata.

    Gli istituti statali daranno sempre numeri che assecondano i governi del momento di cui GUAI FIDARSI..!

    Pero’ non fate come quelli… Dai che ogni tanto li terrorizzate con i vostri numeri..! Gli fate venire la diarrea… el kagoto se dixe in lengoea veneta.

    Tuttavia, basta vero dare i numeri, qua ci vogliono fatti veramenti nuovi quali quello di RIDIMENSIONARE il MOSTRO A MILIONI DI TESTE: LO STATO.

    Senza la razionalizzazione dello stato tutto sara’ INUTILE..!

    E appena pensi a loro, agli statali, scatta il tamburo terrorista: tagliamo la SANITA’ e altri servizi che servono davvero al popolo.

    Cosi’ accetta, il popolo, di tirare avanti con le spese abnormi dello stato. QUO.

    BEATI I POVERI… erediteranno la terra… per vangarla..??

    Ecco perche’ ci rinunciano all’eredita’: a se no ghe toka vangar in aeternum..!

    Amen

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

I precari dell'Istat bloccano i dati Istat sui contratti. Chi la fa, l'aspetti

Articolo successivo

La Ue ci chiede di abolire l'art.18. Grillo: Europa va fanculo