La Calabria brucia. L’esercito dei forestali dov’è finito?

“La Calabria brucia, i calabresi perdono un patrimonio ambientale e paesaggistico inestimabile, ma il centrodestra di Spirli’ e Occhiuto e’ concentrato esclusivamente su operazioni clientelari e di facciata. Nessun piano di prevenzione, nessun piano di intervento e nessun piano di emergenza. Zero. Governano la Regione Calabria da due anni e sembrano turisti fai da te, mentre il fumo avvolge i sacrifici di tanti calabresi e le tante bellezze ambientali”. Lo dichiara Stefano Graziano, commissario regionale del Partito Democratico della Calabria. “Insieme alla nostra candidata Amalia Bruni – aggiunge – insistiamo da giorni sull’esigenza di richiedere lo stato di emergenza. Servono mezzi, uomini e risorse per far fronte ad una condizione ormai drammatica. Nemmeno i tre morti delle ultime settimane nell’area grecanica reggina sono bastati a smuovere le coscienze di chi oggi, sulla carta, governa la Regione Calabria. La Protezione civile, le forze dell’ordine, i Vigili del fuoco, gli operai di Calabria Verde, amministratori locali e volontari stanno rischiando la propria vita a tutela di tutti, il Governo -conclude Graziano- ascolti la richiesta di aiuto immediata che arriva dalle terre calabresi”.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Che figura.... Petizione del sindaco di Stazzema per dimissioni Durigon, l'uomo di Salvini in Lazio

Articolo successivo

IN UN ANNO FAMIGLIE E IMPRESE CONGELANO 113 MILIARDI