Keppel, politologo francese “Italia non può diventare discarica dell’Africa”

democraziaitalia

“OCCORRE ASSOLUTAMENTE CHE I LEADER EUROPEI, IN PARTICOLARE DI FRANCIA, GERMANIA E ITALIA, SI RIUNISCANO A BRUXELLES PER ELABORARE UNA POLITICA COMUNE DI FRONTE AL PROBLEMA MIGRANTI. L’ITALIA NON PUÒ ACCOGLIERE LE NAVI STRANIERE COLME DI MIGRANTI, COME DEL RESTO NON PUÒ DIVENTARE LA DISCARICA DELLE MASSE DI PERSONE CHE ARRIVANO DALL’AFRICA E DAL MEDIO ORIENTE MENTRE L’EUROPA NON FA NULLA PER AIUTARLA”.

LO AFFERMA AL Corriere DELLA SERA  GILLES KEPEL, POLITOLOGO E ACCADEMICO FRANCESE. “NEI CONFRONTI DELLA QUESTIONE MIGRANTI – SPIEGA KEPEL – L’EUROPA STA CONDUCENDO UNA POLITICA ASSOLUTAMENTE IRRESPONSABILE. MANCA UN COORDINAMENTO GESTITO DA BRUXELLES. L’ITALIA NON PUÒ DIVENTARE UNO SPAZIO GRIGIO DOVE ARRIVANO I MIGRANTI SENZA ALCUN CONTROLLO E SENZA ALCUN COORDINAMENTO CON GLI ALTRI PARTNER DI BRUXELLES. SI RISCHIA IN QUESTO MODO DI DESTABILIZZARE L’ITALIA IN VISTA DEGLI IMPORTANTI APPUNTAMENTI ELETTORALI DEI PROSSIMI MESI. E LA QUESTIONE MIGRANTI – AVVERTE – RISCHIA DI SPOSTARE IL VOSTRO ELETTORATO VERSO LE DESTRE NAZIONALISTE E IL MOVIMENTO 5 STELLE”.

“È TEMPO – SOTTOLINEA KEPEL – CHE LE ISTITUZIONI EUROPEE SMETTANO DI DISPERDERSI NEI RIVOLI BUROCRATICI INFINITI DEI LORO MECCANISMI INTERNI E ASSUMANO FINALMENTE LE LORO RESPONSABILITÀ”, “OCCORRE DARCI CRITERI DI ACCOGLIENZA E DI DIVISIONI DEI COMPITI. SENZA QUESTO L’ITALIA DIVENTERÀ SEMPRE PIÙ UNA ZONA ANARCHICA DI ACCOGLIENZA. LA GERMANIA CONTINUERÀ A SCEGLIERE A SUO PIACIMENTO GLI ELEMENTI MIGLIORI TRA I MIGRANTI. LA FRANCIA SEMPRE PIÙ SARÀ COSTRETTA A RICEVERE I MIGRANTI CHE LA GERMANIA ESPELLE. MENTRE I PAESI DELL’EST EUROPEO CONTINUERANNO A RIFIUTARLI TOUT COURT”. (ANSA).

 

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Zweisprachigkeitspflicht in der Sanität: Interventionen tragen Früchte/L'obbligo del bilinguismo nel settore sanitario: le segnalazioni sono utili.

Articolo successivo

Grandi evasori. L'Europa questa volta dice una cosa vera: in Italia chi non paga l'Iva resta impunito