IUS SOLI: LEGA TOSCANA SOLIDALE CON BEPPE GRILLO

di REDAZIONE

Riceviamo dal gruppo Lega Nord della Regione Toscana e pubblichiamo:

Il capogruppo della Lega Nord Toscana in Regione, l’italobrasiliano Antonio Gambetta Vianna, esprime la propria «totale solidarietà al leader del Movimento 5 Stelle, Beppe Grillo, che in pochissime righe ha disegnato il quadro preciso dell’uso strumentale che la sinistra e parte del centro stanno facendo dello ius soli. Pensiamo alla crisi e alle tasche dei nostri cittadini, vessati dal Governo Monti e dalle manovre regionali». Grillo, sul proprio celebre blog, aveva scritto, tra le altre cose, che “La cittadinanza a chi nasce in Italia, anche se i genitori non ne dispongono, è senza senso. O meglio, un senso lo ha. Distrarre gli italiani dai problemi reali per trasformarli in tifosi”.

«Sfruttare l’immane tragedia della Shoah e la figura dei bambini per tentare di accrescere il proprio futuro consenso elettorale – chiosa Gambetta Vianna riferendosi al discorso del Governatore toscano, Enrico Rossi, al Mandela Forum di Firenze – è assolutamente strumentale e vergognoso. Il razzismo non si combatte con la cittadinanza alla nascita, bensì attraverso l’integrazione degli immigrati e dei loro figli nella nostra cultura e nella nostra società. Il passaporto deve essere l’ultimo fondamentale passo di un chiaro percorso d’integrazione e non l’input».

Ma l’esponente leghista pensa in particolare ai bambini cinesi. «Grazie allo ius soli, queste piccole creature sarebbero accolte da straniere nella patria dei propri genitori. È giusto tutelare il loro diritto di scelta perché in Cina, come in altri Paesi, non è assolutamente ammessa la doppia cittadinanza. Si creerebbe un danno immane ai figli di cinesi nati già italiani che, per esempio, non potrebbero aprire in Cina delle attività perché stranieri, ma necessiterebbero di prestanomi». L’alternativa per i mandarini in caso di ius soli? «Andare a partorire in Cina o in altri Paesi dove non vige lo ius soli, ma sarebbe estremamente pericoloso per le mamme e i nascituri».

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

FORMIGONI LANCIA LA SFIDA. E LA LEGA CHE FA?

Articolo successivo

SOLDI ALLE BANCHE E NON ALL'ECONOMIA REALE