/

Islam, un esercito occulto in Lombardia?

di ALDO MOLTIFIORISoldiers ride in a truck as they patrol a road in Jolo, Sulu

L’Islam ha portato la guerra  alle porte di casa nostra. Di guerra si deve parlare e non di atti terroristici come il regime politico ed informativo pretendevi di farci digerire. Non solo dalla Libia  arriva la minaccia ma molto presto arriverà anche dalla Tunisia. In questo paese nel giro di due mesi si sono avuti 67 (tutti occidentali infedeli) morti, uccisi da avanguardie di un esercito che è già occultamente presente in Italia e massimamente in Lombardia. In Lombardia, anche grazie  alla vera e propria invasione di clandestini vivono oltre un milione di musulmani , molti dei quali addirittura invisibili alle autorità . Un vero esercito dormiente che aspetta solo di essere dotato di armi! Ho già ampiamente dimostrato, proprio su queste colonne , che l’Islam è  assolutamente incompatibile con i principi e i valori ,non solo del Cristianesimo ma della stessa civiltà laica occidentale. Quindi in ogni musulmano  prima o poi arriva il redde rationem del conflitto fra il suo precetto di vita dettato dal Corano e i principi e valori che è tenuto a rispettare vivendo in Occidente. Tutte quelle panzane raccontate dalla classe dirigente che governa l’Italia e ci metto anche quella che governicchia la Lombardia, sono solo degli anestetizzanti per impedirci d vedere la realtà.

La realtà di fatto è una sola: quando quel conflitto chiama ad una scelta, il musulmano sceglierà solo e sempre il Corano.  E, che cosa dice il Corano? Uccideteli, Uccideteli, Uccideteli. Sono ben sette le Sure del Corano nelle quali si predica l’odio e l’uccisione degli infedeli, ai quali è però data una via di scampo; convertirsi e sottomettersi all’Islam. Chiudo  ricordando solo una delle dichiarazioni, più stupide e al tempo stesso più fuori dalla realtà, rilasciate niente di meno che da un Presidente americano. Il Presidente  G. W. Bush,  all’indomani dell’abbattimento delle torri gemelle  e nonostante  fosse evidentissimo che si trattasse di un atto di guerra portato dall’Islam, ebbe a dichiarare: L’Islam è una religione di pace!  Ebbene da quel settembre 2001, i 3000 morti delle torri gemelli sono un piccolissima parte delle vittime dell’Islam. Difficile essere nel vero ma una stima di 200.000 vittime non è lontana dal vero, ma per difetto. Solo in Siria, Iraq, Nigeria, Mali, Somalia, Sudan, Kenia saremo ben oltre quella stima. Di questa letale minaccia che rischia di farci letteralmente sparire dalla faccia della terra, dopo averne parlato da queste colonne , tornerò  di nuovo  prossimamente.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Grecia, la bancarotta della furbizia e dello statalismo

Articolo successivo

Espulso Reguzzoni. Bossi come Cronos, il dio che divorò uno ad uno i suoi "figli"