Iran: per sedare il malcontento in campo seimila religiosi sciiti

di REDAZIONE

E’ partita la missione in tutto l’Iran di seimila religiosi sciiti, formati e addestrati allo scopo di placare il crescente malcontento dei cittadini e di convincerli a resistere di fronte alla grave condizione economica provocata dalle sanzioni internazionali. A riferire la notizia è il sito d’informazione ‘Digarban’, che sottolinea in particolare il crescente malcontento delle classi medio-basse iraniane dovuto all’aumento dei prezzi dei generi alimentari.

Negli ultimi tempi, come negli anni Ottanta durante la guerra Iran-Iraq, si assiste a lunghe code di fronte ai centri di distribuzione dove gli alimenti venduti a prezzi calmierati. Stando al sito, le autorità iraniane sarebbero molto preoccupate e temerebbero una reazione di protesta della popolazione. Per questo motivo, in concomitanza con l’inizio del mese di Ramadan, hanno lanciato quest’iniziativa per contenere l’insoddisfazione popolare.

Nel frattempo, mentre i prezzi e l’inflazione salgono sensibilmente, i vertici iraniani rimangono divisi se aprire a un dialogo con l’Occidente o arroccarsi e chiudersi totalmente. I paesi membri dell’Unione Europea hanno approvato lo scorso gennaio nuove sanzioni contro la Repubblica Islamica, che prevedono l’embargo sull’acquisto del petrolio da Teheran, a partire dal mese di luglio. Le tensioni tra l’Iran e i paesi occidentali sono in continuo aumento, dal momento che Teheran non vuole fermare il proprio piano di sviluppo dell’energia nucleare.

Print Friendly, PDF & Email

1 Comment

  1. E’ la saggia iniziativa di uno stato ben governato. Che le sanzioni europee provochino a lungo termine effetti sull’IRAN è una impressione completamente sbagliata. Teheran esporta meno del 20% della propria produzione verso Italia, Spagna e Grecia. Ora non lo farà più scongiurando il rischio di non venir pagato da queste tre nazioni in collasso economico. Gli è stato quindi reso un favore. L’Iran abbasserà un filino i prezzi e raddoppierà le forniture alla Cina che innalzerà la quota di acquisto passando dal 6 al 12% dell’import nazionale. Russia e Cina avranno inoltre la possibilità di ripiazzare il greggio degli Ayatollah vendendolo raffinato. A seguito di questa grande pensata noi abbiamo subìto immediatamente l’aumento del 10% della bolletta energetica sul mercato mondiale, ci siamo ancor più legati ai condizionamenti delle forniture libiche e saudite, abbiamo perso un cliente importante per la diversificazione delle nostre esportazioni. Si continua pertanto a condurre una politica estera improntata a salvaguardare esclusivamente gli interessi di quelle merde di americani ed israeliani anche costo di danneggiare pesantemente l’economia nazionale. Ciò accade perchè i vertici politici italiani ed in generale europei sono infiltrati da parecchi personaggi che in virtù della loro appartenenza corporativa (chiesa, massonerie, lobby ebraica, rete finanziaria e bancaria, ecc.) rispondono primariamente a washington e spingono nella solita direzione pro U.S.A. Apro un inciso per i leghisti e/o gli indipendentisti. L’autonomia o l’indipendenza Padana non si potrà mai ottenere se il centralismo romano e l’unità d’italia continueranno ad essere sostenuti con vigore a livello internazionale. E’ presso i poteri forti che occorre intervenire diplomaticamente esercitando la pressione necessaria per trovare appoggi al nostro meraviglioso ma confuso progetto.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Fiat, Mirafiori ne manda 2600 in cassa integrazione anticipata

Articolo successivo

Le "teorie cospirative" si oppongono all'ordine spontaneo, non alla sua distruzione