Invalsi, Bernardelli: Se al Sud gli studenti sono “scarsi”, com’è che i voti finali sono più alti che a Nord e ai concorsi passano soprattutto loro??

di Roberto Bernardelli – L’ultimo rapporto Invalsi è da pelle d’oca. Il Paese ha anche due sistemi scolastici, al Sud si imparano poco e male l’italiano e la matematica (vedi qui: ).

Come mai? Perché la scuola non garantisce livelli minimi per tutti? E’ un problema che riguarda la competenza della classe insegnante? E’ una questione che riguarda i criteri di valutazione territoriale, tanto che se arriva un metodo nazionale di valutazione e giudizio, c’è chi si può allineare mentre altri no?

I numeri ci dicono poi che i concorsi vengono vinti da chi esce dalle scuole del Sud. La burocrazia statale parla in buona parte meridionale. E’ un dato di fatto.

I voti della maturità e della laurea ci dicono che al Sud ci sono i migliori e i più studiosi, evidentemente. Si vede che i metodi Invalsi sono farlocchi o che, al momento di fare un tema, un concorso, dall’esaminando esce il meglio di sè. Misteri, o miracoli, italiani.

 

Onorevole Roberto Bernardelli, presidente Grande Nord

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Ma come è possibile che al Sud dopo 10 anni di scuola, ben 6 regioni non raggungono il livello medio nell'italiano?

Articolo successivo

Multe in serie? Ecco come pagare solo la prima e non cadere vittima degli eccessi di Stato