In nome del popolo italiano, per nome e per conto del mio amico di corrente

di Giancarlo Rodegher – Adesso dopo il “povero” Palamara, ci sono anche i “poveri” magistrati della Cassazione.
Che dire? Dico senza ombra di smentite, i fatti sono a disposizione per essere riesumati all’occorrenza, che le registrazioni del ”povero” magistrato pentito sono un atto di accusa al sistema mafioso all’interno della Magistratura e che etichettare come un colpo di stato la destituzione di Berlusconi da parte di Napolitano con il ”povero” Monti non è esattamente quello che penso io.

Io penso che ci troviamo difronte al sovvertimento della democrazia in Italia in cui alcune istituzioni sono parallelamente gestite come associazioni che agiscono al di fuori della legalità facendo e disfacendo a piacere molte sentenze anche di qualche povero Cristo se a loro antipatico.
Tutti i processi a Berlusconi sono la prova di un accanimento giudiziario che alla resa dei conti ha visto sempre l’imputato assolto, quindi andava trovato un qualsiasi motivo per condannarlo al fine di estrometterlo definitivamente dalla politica.
Certo non sono io a difendere Berlusconi, ne ha lui la facoltà e le risorse, ma adesso voglio vedere se avrà il coraggio di agire contro questa Magistratura al fine di azzerare tutto e ricostruirla nell’interesse dei cittadini ed in generale del Paese.
E’ un caso o di burattinai ora ne vediamo sin troppi e tutti collegati tra loro ?!
Da Veneto provo disgusto e una sorta di ribellione a questo sistema ” ITALIA” che ne combina di tutti i colori e poi quasi sempre tutti ne vengono fuori quasi da vittime innocenti.

Ma quello che mi indigna e nello stesso tempo mi spaventa è che all’interno della stessa Magistratura non si vedono Magistrati volonterosi che cercano di cambiare il sistema o almeno di contrastarlo in qualche modo. Tutti o quasi in ordine ed allineati. Il CSM è degno di essere azzerato e riformato al più presto possibile, ma con questo governo che tutto rimanda c’è poco da sperare.
E’ o non è ora di dare finalmente giustizia al Popolo Italiano cambiando questo sistema corrotto e mafioso in cui molti vertici ne sono coinvolti, persino gli alti vertici come è ormai è chiaro, chiarissimo?
Mattarella batta un colpo, anzi più colpi.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Lockdown, danno in crescita per il 70% delle imprese

Articolo successivo

Comuni, tra dissesti e conti che non tornano. La battaglia vera è qui. Perché il Nord non ci sente?