Immigrazione, sbarchi senza fine e si vuol cancellare la Bossi-Fini

di GIORGIO CALABRESI

L’immigrazione clandestina e le polemiche politiche ad essa legate continuano a infiammare il clima della povera Italia. Gli sbarchi continuano a ritmo forsennato e la ministra Kyenge continua a ribadire che bisogna superare la legge Bossi-Fini che introdusse il reato di immigrazione clandestina. Gli fa eco Matteo Salvini, che la invita caldamente ad andare a fare il ministro in… Egitto.

Intanto gli immigrati scendono dal tetto del Cie di Gradisca d’Isonzo: dopo un giorno di protesta gli ospiti del centro di identificazione ed espulsione fanno rientrare l’emergenza, ma la politica si interroga sulla revisione delle leggi concernenti il loro trattenimento. Debora Serracchiani guarda all’apertura di Mara Carfagna, e chiede di superare la Bossi-Fini. L’ultima protesta è scattata sabato pomeriggio, in concomitanza con una manifestazione di associazioni che chiedevano la chiusura del centro. I manifestanti per strada, una trentina di immigrati sul tetto del centro, con la polizia in mezzo. Circa venti immigrati sono rimasti sul tetto della struttura per tutta la notte, e sono scesi solo nel pomeriggio di oggi. La contestazione rientra senza incidenti o tentativi di fuga, mentre l’immigrato marocchino che ci aveva provato lunedì scorso rimane all’ospedale.

Ma tutte le parti restano insoddisfatte: gli ospiti del centro continuano a lamentare le condizioni di permanenza, i sindacati delle forze dell’ordine sostengono che i veri prigionieri sarebbero i poliziotti, e la politica si divide sul futuro del centro. Il deputato di Sel Serena Pellegrino torna proprio sulla manifestazione di sabato e stigmatizza il comportamento di alcuni disobbedienti: «Hanno incitato gli ospiti e questo mi è spiaciuto». Pure i sindacati di polizia non risparmiano critiche: gli autonomi del Sap definiscono «inopportuna» la manifestazione, «origine chiara» dei disordini delle ultime ore. Così, dice il Sindacato, «il Cie è di nuovo in mano ad una sessantina di clandestini». Il Coisp rincara la dose lamentando la carenza di personale: «Il Cie di Gradisca è diventato una prigione per poliziotti, indifesi dinanzi ad ogni sorta di vessazione». Il presidente del Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, sarà a Gradisca il prossimo 23 agosto per un punto della situazione, ma già mette in luce «la necessità di abolire la Bossi-Fini, confermata ogni giorno dal fallimento del sistema dei Cie». Serracchiani registra così «molto positivamente» l’apertura di Mara Carfagna per una riflessione sulla Bossi-Fini mentre la Lega con Massimiliano Fedriga difende la legge e accusa il centrosinistra di sfruttare il caso politicamente, escludendo che Gradisca sia un lager..

Print Friendly, PDF & Email

15 Comments

  1. Il PC, copulando con la DC, ha procreato delle sciacquette di vario colore che hanno il compito portare scompiglio. Chi di dovere, se non di competenza, non se la sente di porsi di traverso ai rossi che da sempre condizionano la vita nazionale. Malta, piccola e indifesa, pur di colore tendente al purpureo, sicuramente memore del comportamento dei suoi ex padroni di casa in simili circostanze ha fatto una pernacchia a Barroso e compagni ed ha respinto le orde migranti. Quando si dice che basta volere……..

  2. Che lavorino o che delinquano tutti gli immigrati sono degli invasori che ci sottraggono il nostro spazio, le nostre risorse, il nostro futuro.

  3. da 150 anni, le leggi qui vengono applicate solo se sono contro i Padani

    per gli altri si chiude sempre un occhio …. spesso anche 2 come per la legge bossi-fini (mai applicata) o il codice della strada e le altre leggi nelle regioni del sud

    • Si è vero, è un tutto complotto contro i patani che con i vari berluscones e bossiani sono stati al governo dal 1994 in poi.
      Guarda caso l’invasione di questi estracomunitari rumeni, polacchi, albanesi, nordafricani arabi, marocchini, boliviani, sud americani e bangladesh vari, la maggior parte dei quali tutti irregolari e clandestini, c’è stata proprio dal 2000 in poi, con maroni ministro degli interni sotto i governi berlusconi, e appunto con l’approvazione della legge bossi-fini……non sarà forse che calderoli, nella sua dantesca esibisione, bruciò per sbaglio anche la legge bossi-fini nel calderone insieme con le altre 375000 leggi inesistenti?

      • E’ difficile trattenersi dall’offendere chi racconta balle, se poi è un sinistro la voglia di offendere diventa ossessiva e potrebbe sfociare in peggio.

        • da quando dal 94 in poi i “manager” patani di lega e pdl han preso possesso delle poltrone più importanti a livello politico e industriale di questa Nazione, guarda caso, è andato tutto a picco.

      • guarda che non fai ridire … anche perchè non ho niente da spartire con Bossi, Calderoli, Fini e meno ancora con il venditore di tappeti di Arcore

        • Peccato che voi Patani li votate sempre in massa, tipo alle ultime elezioni regionani in lombardia dove il 52% ha votato lega e pdl per maroni presidente……vi piace proprio la mafia è? fortuna poi parlate male dei siciliani e dei calabresi…….

  4. Mi spiace x gli abitanti, ma Lampedusa andrebbe loro confiscata, resa giuridicamente extraterritoriale in modo da sfuggire dalle normative UE, e trasformata in colonia penale per tutti gli stranieri irregolari o delinquenti che arrivano qui via mare, via terra e via aerea. e li ci restano fintantoché i paesi di provenienza non se lo riprendano indietro. Altro che.farli circolare liberamente nella penisola con un foglio di via in tasca.

  5. >> Un conto sono i poveri cristi davvero in fuga da situazioni disperate che cercano un lavoro onesto e l’integrazione

    Spiace per chi scappa ma se qui il lavoro non c’è, non c’è. Si deve tornare ai permessi di lavoro come si faceva al tempo delle miniere in belgio: nel TUO paese vai all’ufficio di collocamento, nel TUO paese leggi la bacheca degli annunci di lavoro all’estero, SE C’E’ qualcosa allora ti iscrivi nel TUO paese, ATTENDI RISPOSTA E PAPIRI (ovviamente fai tutte le profilassi che servono anche sanitarie) e quando (SOLO SE) queste sono POSITIVE sei AUTORIZZATO A VENIRE altrimenti finisci dritto in mare tenuto lontano dalle coste con i bastoni e le mine.

    Il profugo che scappa approda sul primo paese tranquillo CONFINANTE AL SUO e non si mette a fare il turista. Se lo fa, va rinchiuso in una struttura provvisoria che potrà abbandonare solo se qualcuno gli offrirà sul posto un lavoro regolare o tornerà dritto al paese suo appena verrà spianato per bene dove nel frattempo si saranno create fior di condizioni di lavoro.

  6. Questi clandestini si lamentano per il cibo che a dir loro fa schifo e perché le lenzuola non vengono cambiate ogni giorno. Io li farei lavorare per guadagnarsi il pane, poi vedremo se hanno ancora voglia di salire sui tetti a protestare. Con tanta gente che non riesce ad arrivare a fine mese o che è costretta a rivolgersi alla Caritas o ai servizi sociali perché è rimasta senza lavoro. Che schifo. L’ unica solidarietà che mi sento di dare e’ ai poliziotti che stanno vivendo una situazione drammatica.

  7. Possibile che in tutti i paesi di sto mondo ci sono (e vengono applicate) severe leggi contro l’immigrazione clandestina selvaggia, e solo l’italia la si vuol trasformare in un approdo sicuro per cani e porci, per di più ad attenderli con una valanga di diritti e comfort concessi gratuitamente a spese dei contribuenti?

    Non sono razzista o anti-immigrazione, ma credo che un minimo di scrematura vada fatta, prima di iniziare a concedere beni e diritti. Un conto sono i poveri cristi davvero in fuga da situazioni disperate che cercano un lavoro onesto e l’integrazione, un altro chi emigra senza reale emergenza per venire a delinquere.
    Sono gli stessi politici dei loro paesi a stupirsi di come l’italia accolga a braccia aperte la loro peggior feccia, gente che qui riceve privilegi dove al loro paese viceversa sarebbe in carcere, e non per reati politici o d’opinione.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Il caos in Egitto e la schizofrenia della sinistra italiana

Articolo successivo

Idea del governo: meno tasse per aziende che han crediti con le P.A.