Il Veneto non tira più, locomotiva del Nord-Est su binario morto

di REDAZIONE

Il Veneto non rappresentra piu’ la locomotiva economica del Paese, il ‘mitico’ Nord Est e’ in seria difficolta’. Lo sottolinea la Cgia di Mestre che evidenzia in record negativi collezionati dall’economia della regione. Sono 26 – sottolinea il rapporto – i piccoli imprenditori che si sono suicidati a causa della crisi economica (record nazionale); + 5% e’ l’incremento registrato tra il 2010/2011 (ultimo dato disponibile) di nuovi pazienti trattati con antidepressivi in maniera intensiva (record nazionale); -2.770 la differenza tra le nuove imprese iscritte e quelle cessate presso le Camere di Commercio (record nazionale). Ancora numeri: -2.505 e’ il saldo tra le nuove imprese artigiane iscritte e quelle cessate presso le Camere di Commercio (solo la Lombardia presenta un dato peggiore); 150.000 disoccupati (tasso disoccupazione al 6,6%), picco mai raggiunto negli ultimi 20 anni; -4% e’ la stima relativa al calo dei consumi delle famiglie venete che, indubbiamente, ha penalizzato il mondo del commercio e della piccola impresa che, nella stragrande maggioranza dei casi, vive della domanda interna. “E’ vero – dice il segretario della Cgia, Giuseppe Bortolussi – non siamo piu’ la locomotiva economica del Paese, ma non siamo finiti su un binario morto. Il Veneto, come del resto tutto il Paese, ha bisogno di politiche per il rilancio industriale che tengano conto delle specificita’ del nostro mondo produttivo fatto di piccole e piccolissime imprese. Nonostante il boom di suicidi che ha riguardato i piccoli imprenditori del Veneto, l’aumento della disoccupazione, il peso fiscale che continua a salire e il calo dei prestiti bancari, l’export e’ in crescita e molti distretti produttivi hanno da tempo superato brillantemente la crisi. Purtroppo, a soffrire sono le piccole imprese che vivono dei consumi delle famiglie che, da tempo, hanno ridotto drasticamente gli acquisti”.

cuore del mitico Nordest, in seria difficolta’. Le piccole e micro imprese, che negli ultimi decenni hanno dato vita ad un modello economico invidiato da tutto il mondo, sono in affanno. Molte chiudono, altre, in palese difficolta’, stringono i denti e continuano a tener duro, sperando che la ripresa economica arrivi quanto prima. “L’importanza del ruolo economico del Veneto – conclude Bortolussi – e’ noto a tutti. La tenuta economica di questa regione ha una valenza nazionale. Se non riparte il Nordest, ed in generale il Nord, difficilmente anche il resto del Paese potra’ rialzarsi. Per questo e’ necessario che l’ingovernabilita’ politica che sembra essere venutasi a creare dopo le elezioni sia scongiurata quanto prima, attraverso la formazione di un esecutivo che riesca a invertire la rotta con meno rigore e piu’ crescita”.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Ecco nel dettaglio gli 8 punti di Bersani

Articolo successivo

Renzi premier: lo vuole il 28% degli italiani. Grillo al 13%