Il sovranista Salvini rincorre Berlusca: referendum per tutti

salvini2di GIOVANNI D’ACQUINO – Silvio Berlusconi, compresa l’importanza della questione settentrionale, del federalismo, più dell’aspirante premier leghista concentrato nella campagna elettorale al Sud, aveva già anticipato la questione dell’autonomia regionale come centrale per la riforma del Paese. Ora il segretario del Carroccio, stretto nel suo progetto nazionale e sovranista, che di fatto sconfessa politicamente la sua idea di paese davanti al voto lombardoveneto che chiede alla politica di smarcarsi dal sistema centralista, cerca di correre ai ripari.

Anche dopo i referendum di Lombardia e Veneto, “c’è una sola Lega che dà speranza a 60 milioni di cittadini italiani. Abbiamo permesso a milioni di persone di votare in maniera pacifica e ordinata, e già ci stanno chiamando e stiamo lavorando per la Puglia, il Piemonte, l’Abruzzo e l’Emilia Romagna. Voglio una politica che spende meno e meglio”. Torna sulla consultazione di domenica il segretario della Lega Nord, Matteo Salvini, parlando a Radio Anch’io.

“Ci sono due milioni e mezzo di veneti che hanno dato mandato per trattare autonomia. Poi quanta autonomia deve arrivare… da persone serie si discute”, si è limitato a ridpondere così il leader del Carroccio sullo Statuto speciale chiesto dal Veneto.

Salvini non è entrato nel merito della domanda, prendendosela con “i soliti analisti e giornalisti”. Ma in un altro passaggio del suo breve intervento ha sostenuto che dopo i referendum di domenica “gli italiani devono decidere” se continuare a farsi governare da “un centralismo che ha fallito”, pur restando “nell’ottica dell’unità nazionale”.

Di certo, la bandiera dell’autonomia non è in mano a Matteo.

Print Friendly, PDF & Email

2 Comments

  1. Alla fine fanno schifo quasi tutti !!!!
    Forse SALVINI non si è accorto che dicendo così è come se avesse svilito o diminuito di valore, pregio, i referendum di VENETO e LOMBARDIA.
    Caro SALVINI se vuoi i nostri voti, pensa di prometterci l’approvazione della legge sulla nostra autonomia.
    Aspettiamo che tu lo dica apertamente, come tuo programma di governo, caso contrario addio voti.
    WSM

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Il Movimento Autonomista Toscano: ora referendum anche per noi

Articolo successivo

Grande Nord, al via primarie per candidato presidente a regionali lombarde. Sabato il risultato