IL SOGNO DEI ROTHSCHILD&CO, UN’EUROPA SENZA LIQUIDI

di MARCO PARISI

Riceviamo e pubblichiamo:

Prima di cominciare a scrivere questo articolo voglio far presente che chi comanda in Italia non è colui voluto dai cittadini Italiani e nemmeno colui eletto dalla casta Politica, e questo sin dal giorno in cui venne firmato l’Armistizio nelle campagne di Cassibile (SR); chi condiziona pesantemente il governo Italiano è l’Ambasciatore USA, lo si creda o no,  tutti coloro che dal ’46 sono stati nominati Presidenti della Repubblica Italiana erano e sono i rappresentanti di coloro che comandano anche in USA, cioè i Rothschild = Goldman Sachs. La crisi ormai la conosciamo in ogni suo lato, non siamo solo noi a sentirne il peso, anche altri stati in questa comunità gestita da Psicopatici hanno molto da dire e da soffrire, penso che la situazione in Italia sia peggiore di quella Greca e Spagnola, ma penso anche che peggiore o no dobbiamo sbarazzarci al più presto possibile dal cappio che ci tiene schiavi.

Le chiavi per aprire i catenacci sono tre: Napolitano, Monti con i suoi scagnozzi e Draghi.
Quello che da anni si presumeva è quasi realtà: eliminare i soldi liquidi che ci sono in circolazione per obbligare i cittadini europei ad usare il bancomat per qualsiasi cosa si voglia comprare, se ricordate già il governo Prodi aveva tentato tale strada; già da alcuni mesi s’è fatta insistente la propaganda per un sistema di pagamento senza soldi liquidi e questo sistema di pagamento è un’altra pietra aggiunta per rubare ai cittadini la libertà di decidere cosa vogliono fare con i loro guadagni, possiamo benissimo considerarlo un atto terroristico che rovinerà l’esistenza di milioni di persone e specialmente di quelli che non hanno un lavoro, non hanno una pensione e che si guadagnano il vivere giornalmente con dei piccoli lavori artigianali e quindi non hanno bisogno di un bancomat. Con questo OBBLIGO finisce la libertà individuale non solo per questo gruppo di persone, ma anche per coloro che hanno la (s)fortuna di avere un pezzo di plastica da ficcare in un apparecchio e digitare il codice. Per questi ultimi è finita la PRIVACY, sapranno tutto su di tutti, quali malattie si ha o ha accumulato dopo aver mangiato le schifezze che ci hanno venduto nei supermercati, con l’applicazione OBBLIGATORIA del Bancomat si è avverata una delle tante profezie che George Orwell aveva previsto, attivando questo sistema di pagamento i cittadini saranno obbligati a fare quello che i Banchieri e i loro rappresentanti (i Politici) decidono. Ci sono già Supermercati e Negozi che non accettano soldi liquidi (vedi Svezia—Germania) se il cliente non ha il Bancomat viene indirizzato verso l’ufficio del Direttore che con le buone maniere cerca di convincere il cliente che se vuol continuare a far spesa lì, la prossima volta si presenti esclusivamente con il bancomat alla cassa, con questo sistema si vuol costringere i cittadini ad accettare quello che da anni i Rothschild sognano per poter togliere ogni dubbio sulla loro criminale attività che da secoli regna in molti continenti.
Perché? Loro stessi, i Rothschild, hanno calcolato che a breve saranno sopraffatti dal sistema monetario dei Paesi facenti parte del BRICS (BRICS è un acronimo utilizzato in economia internazionale per riferirsi congiuntamente a Brasile – Russia – India – Cina – Sudafrica), sanno che il Petrol-Dollar verrà sostituito dallo Petrol-Rublo o altra valuta, con l’eliminazione dei soldi liquidi si elimineranno anche i problemi delle banche e dei loro debiti, potranno fare quello che vogliono, sui computer potranno scrivere somme di denaro da destinare ai loro magnaccia, rappresentanti, politci sparsi per il mondo che con un bancomat possono comprarsi la vita di persone e la piacevole settimana da passare con qualche minorenne.

Ma veniamo alla situazione che si è creata in Italia dopo che il sorridente capo di governo nostrano ha introdotto la legge che impedisce di ottenere più di 1000 euro in contanti dalle Banche: se noi siamo arrivati a 1000 Euro, gli Spagnoli possono ancora ritirare dalla Banca 2.500 Euro, i Greci 1.500. Noi siamo più “pecoroni” e abbiamo lasciato decidere ai nostri grandi “testoni”  del Parlamento che 1000 euro sono sufficienti, se voglio pagare altre bollette o comprare qualcos’altro c’è Master Card, naturalmente debbo pagare le commissioni ai magnaccia che secondo loro stanno offrendo un servizio.
Io sono del parere che il servizio lo stanno già facendo e non offrendo, poi se qualcuno chiede un prestito, se non hai una busta paga da 4/5 mila euro al mese se lo può scordare, rimane la possibilità di rivolgersi a qualche Agenzia di credito che possibilmente dopo un prestito di 10.000 Euri ne vuole 30.000, se non paghi pignorano la casa di 250.000 euro, poi arriva Equitalia e sequestra tutto.

Bene, visto che Equitalia non è una Agenzia Governativa ma S.p.a e controllata al 51% dalla Agenzia delle entrate che a sua volta è controllata dalla MEF (Ministero dell’Economia e Finanze) di cui il capo è Mario Monti, che dovrebbe vigilare su questi enti, cosa che non ha fatto, quindi lo si potrebbe imputare anche in base all’Articolo 580 del codice penale (istigazione o aiuto al suicidio), se non  lo fanno vuol dire che la torta da spartire è abbastanza allettante, cioè, tutto quello che viene tolto ai cittadini viene dato al governo, il governo lo passa ai Rothschild e i Rothschild passano la percentuale ai “testoni” che siedono al Parlamento.

Morale della favola: dopo averci occupato, ci hanno Americanizzati e democratizzati come hanno voluto loro grazie alla marmaglia che ci ha governato come loro rappresentanti, e adesso ci stanno cuocendo a fuoco lento… una cosa è certa, il Mister Monti & Co. stanno tentando il colpo grosso per poi sparire dalla circolazione dopo aver firmato il MES / ESM. Una cosa non hanno capito… NON SONO INTOCCABILI come NON LO SONO i Rothschild e tutta la marmaglia che li circonda, dato che il 2012 sarà la fine della loro Era (si spera).

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

NAPOLITANO NON VA IN SVIZZERA. BEATI GLI SVIZZERI!

Articolo successivo

EMERGENZA NAZIONALE. L'ANALISI DI GRAMELLINI